WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Ven Apr 13, 2012 3:59 am

Paris - France


27 maggio – 9 giugno


Name: Roland Garros
Tier: Grand Slam
Surface: Clay/Outdoors

Campionessa uscente: Li Na



(photo by RG off site)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Ven Apr 13, 2012 3:59 am


Paris - France


Novità al Roland Garros - Terra rosa per un giorno in onore alle tenniste


Parigi risponde a Madrid. Gli organizzatori del Roland Garros non hanno voluto essere da meno rispetto a Ion Tiriac e al torneo di Madrid e, presentando le prime novità del programma 2012, hanno preannunciato una variazione cromatica del manto «terroso».
Il campo numero uno del tempio parigino del tennis, diventerà rosa per una giornata, il 7 giugno, per celebrare le giocatrici.
Quel giorno, il giovedì della seconda settimana, si giocheranno esclusivamente match femminili. In onore delle tenniste, sul campo numero quattro sarà installato, per tutta la durata del torneo, un Villaggio della donna, mentre sul campo 13 sarà creato uno speciale Tennis club, per permettere a tutti gli appassionati di cimentarsi in partite di beach tennis.
Per i più piccoli ci sarà la possibilità di misurarsi nel minitennis. Insomma, niente a che vedere con la rivoluzione copernicana madrilena che tante reazioni ha scatenato, soprattutto tra i tennisti più in vista.
Da rosso a rosa, il passo è davvero breve e soprattutto è meno traumatico rispetto al blu che caratterizzerà i campi della Caja Magica di Madrid.
Fonte: Diario W (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Mar Apr 17, 2012 11:47 pm

Paris - France


Forfait Clijsters


Kim Clijsters ha ufficializzato la sua rinuncia al 2° slam stagionale

“La mia attuale condizione fisica non mi consente di essere pronta a gareggiare al Roland Garros
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Gio Mag 17, 2012 10:04 pm

Paris - France


le Wild Cards

Main Draw

- Ashleigh BARTY (AUS)
- Claire FEUERSTEIN (FRA)
- Caroline GARCIA (FRA)
- Victoria LARRIERE (FRA)
- Kristina MLADENOVIC (FRA)
- Melanie OUDIN (USA)
- Irena PAVLOVIC (FRA)
- Aravane REZAI (FRA)

Qualificazioni

Lou BROULEAU (FRA)
Julie COIN (FRA)
Myrtille GEORGES (FRA)
Amandine HESSE (FRA)
Ons JABEUR (TUN)
Alizé LIM (FRA)
Nathalie PIQUION (FRA)
Laura THORPE (FRA)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Lun Mag 21, 2012 8:27 pm

Paris - France


Forfait
aggiornamento

Timea Bacsinszky,
Daniela Hantuchova,
Andrea Petkovic,
Agnes Szavay.
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Mar Mag 22, 2012 8:46 pm

Paris - France


5 azzurre nelle Quali
e le loro avversarie al 1° turno


Karin Knapp: vs Coco Vandeweghe
Maria Elena Camerin: vs Alison Riske
Nastassja Burnett: vs Chichi Scholl
Anna Floris: vs Kurumi Nara
Camila Giorgi: vs Mariana Duque Marino


avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Mer Mag 23, 2012 5:01 am

Paris - France


Azzurre in Quali
1° turno

Anna Floris (Ita) b. (19) K. Nara (Jpn) 64 06 64
Camila Giorgi (Ita) b. (8.) M. Duque Marino (Col) 63 64
Maria Elena Camerin (Ita) d. (23) A. Riske (Usa)75 – 64
Nastassja Burnett (Ita) d. C. Scholl (Usa) 75 – 60
Coco Vandeweghe (Usa) d. (3) K. Knapp (Ita) 46 – 62 - 64



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Gio Mag 24, 2012 7:37 am

Paris - France


Azzurre in Quali : 4 - 2 :
2° turno


Anna Floris (Ita) d. Leticia Costas-M. (Esp) 62 – 60
Camila Giorgi (Ita) d. Arantxa Parra S. (Esp) 75 – 61
(14) Sesil Karatantcheva (Kaz) d. Nastassja Burnett (Ita) 26 – 16 - 61
Veronica Cepede R. (Par) d. M. Elena Camerin (Ita) 76(72) – 62

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Ven Mag 25, 2012 2:48 am

Paris - France


Azzurre in Quali : out
terzo ed ultimo turno

Heater Watson (Gbr) d. Anna Floris (Ita) 60 - 61.

Heidi El Tabakh (Can) d. Camila Giorgi (Ita) 67(57) – 64 - 62


avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Ven Mag 25, 2012 2:49 am

Paris - France


il Main Draw

(1)Victoria Azarenka (BLR) vs Alberta Brianti (ITA)
(wc)Carolina Garcia (FRA) vs Q
Aleksandra Wozniak (CAN) vs Q
(31)Jie Zheng (CHN) vs Alizé Cornet (FRA)

(20)Lucie Safarova (CZE) vs Anastasiya Yakimova (BLR)
Maria-Jose Martinez-Sanchez (ESP) vs Q
Vania King (USA) vs Galina Voskoboeva (KAZ)
(15)Dominika Cibulkova (SVK) vs (wc)Kristina Mladenovic (FRA)

(12)Sabine Lisicki (GER) vs Bethanie Mattek-Sands (USA)
Ekaterina Makarova (RUS) vs Sloane Stephens (USA)
Mathilde Johansson (FRA) vs Anastasia Rodionova (AUS)
(24)Petra Cetkovska (CZE) vs Simona Halep (ROU)

(27)Nadia Petrova (RUS) vs Iveta Benesova (CZE)
Laura Pous-Tio (ESP) vs Chanelle Scheepers (RSA)
Irina Falconi (USA) vs Edina Gallovits-Hall (ROU)
(6)Samantha Stosur (AUS) vs Elena Baltacha (GBR)

(3)Agnieszka Radwanska (POL) vs Bojana Jovanovski (SRB)
Venus Williams (USA) vs Paula Ormaechea (ARG)
Kateryna Bondarenko (UKR) vs Q
(26)Svetlana Kuznetsova (RUS) vs Mirjana Lucic (CRO)

(21)Sara Errani (ITA) vs Casey Dellacqua (AUS)
Johanna Larsson (SWE) vs (wc)Melanie Oudin (USA)
Stephanie Dubois (CAN) vs Shahar Peer (ISR)
(13)Ana Ivanovic (SRB) vs Q

(10)Angelique Kerber (GER) vs Q
Romina Oprandi (SUI) vs Olga Govortsova (BLR)
Anna Tatishvili (GEO) vs Q
(18)Flavia Pennetta (ITA) vs Su-Wei Hsieh (TPE)

(29)Anabel Medina-Garrigues (ESP) vs Silvia Soler-Espiñosa (ESP)
Kai-Chen Chang (TPE) vs (wc)Irena Pavlovic (FRA)
Petra Martic (CRO) vs Michaëlla Krajicek (NED)
(8.)Marion Bartoli (FRA) vs Q


(7)Na Li (CHN) vs Sorana Cîrstea (ROU)
Barbora Zahlavova-Strycova (CZE) vs Stephanie Foretz-Gaçon (FRA)
Christina McHale (USA) vs Q
(30)Mona Barthel (GER) vs Q

(17)Roberta Vinci (ITA) vs Sofia Arvidsson (SWE)
Mandy Minella (LUX) vs Q
Tamarine Tanasugarn (THA) vs Carla Suarez-Navarro (ESP)
(11)Vera Zvonareva (RUS) vs Timea Babos (HUN)

(14)Francesca Schiavone (ITA)vs Kimiko Date-Krumm (JPN)
Tsvetana Pironkova (BUL) vs Yanina Wickmayer (BEL)
Varvara Lepchenko (USA) vs Ksenia Pervak (KAZ)
(19)Jelena Jankovic (SRB) vs Patricia Mayr-Achleitner (AUT)

(32)Monica Niculescu (ROU) vs Nina Bratchikova (RUS)
Vera Dushevina (RUS) vs (wc)Claire Feuerstein (FRA)
Pauline Parmentier (FRA) vs Urszula Radwanska (POL)
(4)Petra Kvitova (CZE) vs (wc)Ashleigh Barty (AUS)

(5)Serena Williams (USA) vs Virginie Razzano (FRA)
Arantxa Rus (NED) vs Jamie Hampton (USA)
Elena Vesnina (RUS) vs Q
(25)Julia Görges (GER) vs Lucie Hradecká (CZE)

(23)Kaia Kanepi (EST) vs Alexandra Panova (RUS)
Irina-Camelia Begu (ROU) vs (wc)Aravane Rezaï (FRA)
Jarmila Gajdosova (AUS) vs Magdalena Rybariková (SVK)
(9)Caroline Wozniacki (DEN) vs Eleni Daniilidou (GRE)

(16)Maria Kirilenko (RUS) v (wc)Victoria Larrière (FRA)
Klara Zakopalova (CZE) v Lesia Tsurenko (UKR)
Anne Keothavong (GBR) v Melinda Czink (HUN)
(22)Anastasia Pavlyuchenkova (RUS) v Greta Arn (HUN)

(28)Shuai Peng (CHN) vs Tamira Paszek (AUT)
Marina Erakovic (NZL) vs Lourdes Dominguez-Lino (ESP)
Polona Hercog (SLO) vs Ayumi Morita (JPN)
(2)Maria Sharapova (RUS) vs Alexandra Cadantu (ROU)








avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Ven Mag 25, 2012 5:21 am

Paris - France


Considerazioni sul MD

Il tabellone femminile, rispetto a quello maschile, come da tradizione, propone molte più incertezze ed è davvero difficile pronosticare anche soltanto le semifinali, figuriamoci la vincitrice. Inoltre negli ultimi tre anni, lo slam parigino è il major che ha fatto registrare le maggiori sorprese con le ultime tre campionesse (Kuznetsova, Schiavone e Li) davvero inattese.

Vanno decisamente bene le cose a Victoria Azarenka, che pesca uno spot comodo almeno fino ai quarti di finale. L’ucraina esordirà contro la nostra Alberta Brianti e non sembra poter avere problemi fino agli ottavi dove presumibilmente se la vedrà con una tra Cibulkova e Safarova. Unica incognita potrebbe essere Caroline Garcia, la giovane promessa francese, che l’anno scorso arrivò ad un passo dalla vittoria contro Maria Sharapova. Ai quarti di finale, l’avversaria teorica è Sam Stosur, finalista a Parigi nel 2010, ma con l’australiana non si può mai dire.

Il secondo spicchio di tabellone è presidiato dalla testa di serie numero 3 Agnieszka Radwanska, che ha un test piuttosto duro già al secondo turno, contro la rediviva Venus Williams, una delle possibili outsider del torneo. Da non sottovalutare anche l’avversaria del terzo turno, l’ex campionessa di Parigi Kuznetsova. In ottavi di finale, la numero tre del mondo potrebbe incrociare le racchette contro la nostra Sara Errani, che dopo due turni sulla carta comodi contro Dellacqua ed una tra Larsson e Oudin, se vorrà superare la prima settimana per il secondo slam consecutivo, dovrà superare la resistenza dell’ex numero uno Ana Ivanovic. Incertezza sull’altra potenziale quarto finalista di questo spot, con Bartoli e Kerber favorite dalla classifica. Non bisogna però trascurare Flavia Pennetta, che se avrà superato i problemi al polso potrebbe avere ottime chance di fare bene in una parte di tabellone non impossibile. Prima della rivincita con la Kerber(che la sconfisse ai quarti degli ultimi Us Open), Flavia dovrà superare la giocatrice di Taipei Hsieh e probabilmente la Tatishvili. Come per la Errani, anche la brindisina può puntare alla seconda settimana.

La parte bassa è ancora più incerta di quella alta: nel primo quarto di finale ci sono almeno tre tenniste che possono giocarsi l’accesso ai quarti. Sono la campionessa in carica Li Na, Francesca Schiavone e Petra Kvitova. La cinese rischia già dal primo turno contro la Cirstea e al terzo turno, potenzialmente, ha una non facile sfida con la Barthel. In ottavi potrebbe esserci la Vinci, che pesca abbastanza bene, visto che dopo l’esordio contro l’ostica Arvidsson, potrebbe avere vita facile al terzo turno contro la disastrosa Zvonareva del periodo. Più complicato il cammino della Schiavone, anch’essa inclusa in questo spicchio, che dopo l’esordio con l’eterna Kimiko Date, potrebbe avere un turno complicatissimo contro la belga Wickmayer, prima di affrontare Jelena Jankovic e Petra Kvitova, le due difficilissime potenziali avversarie prima dei quarti di finale.

Ancor più complicata la decifrazione dell’ultimo quarto di finale del tabellone, con tre ex numero uno presenti. Serena Williams sembra avere strada spianata fino agli ottavi prima di affrontare, sempre sulla carta, Caroline Wozniacki, che per la prima volta dopo tanto tempo giocherà uno slam senza la pressione del numero uno sulle spalle e chissà se questo possa aiutarla a ritrovare lo smalto perduto. Ai quarti di finale potenziale finale anticipata tra la vincente di Wozniacki – Williams e Maria Sharapova, che non sembra avere avversarie pericolose fino al terz’ultimo atto: ne Peng, ne le russe Kirilenko e Pavlyuchenkova infatti, sembrano essere in uno stato di forma tale da mettere i bastoni tra le ruote alla siberiana.
TWI (n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Dom Mag 27, 2012 3:10 am

Paris - France


Azzurre, oggi


S. Errani (Ita) d. C. DellAcqua (Aus) 46 - 62 - 62

Debutto positivo, anche se un po’ sofferto, per Sara Errani, che ha battuto in rimonta la mancina australiana Casey Dellacqua, 27 anni e numero 107 Wta. Dopo un buon inizio (break e 3-1), l’azzurra si e’ smarrita facendosi sorprendere nel primo set dall’avversaria. Errani, protagonista sin qui di un grande 2012 con tre titoli gia’ conquistati (Acapulco, Barcellona e Budapest tutti sulla terra battuta), e’ pero’ stata brava a non mollare nel momento peggiore contro una rivale che sbagliava pochissimo: e’ andata sotto di un break anche nella seconda partita (1-2), ma ha poi infilato cinque giochi consecutivi chiudendo 6-2. Nel terzo e decisivo set, break della Errani al quarto, al sesto e all’ottavo game e 6-2 finale al terzo match point a disposizione dopo aver a sua volta ceduto il turno di servizio al settimo gioco. Prossima avversaria la statunitense Melanie Oudin.
T.it (n.d.r.)


avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Lun Mag 28, 2012 5:30 am

Paris - France

Day 2

Azzurre, oggi: 5 - 2


V. Azarenka (Blr) d. A. Brianti (Ita) 67(68) - 64 - 62

F. Pennetta (Ita) d. S- W. Hsieh (Tpe) 67(37) – 64 - 62

S. Arvidsson (Swe) d. R. Vinci (Ita) 62 – 46 - 63



Peccato. E’ la parola che meglio sintetizza quanto accaduto stamane al Roland Garros, dove sul Philippe Chatrier stava per concretizzarsi una sorpresa che avrebbe avuto del clamoroso. Alberta Brianti, numero 105 del mondo, è andata vicinissima all’impresa, opposta alla numero uno Victoria Azarenka. Resta forte il rammarico per la giocatrice emiliana, che era avanti 4-0 nel secondo set e ha sciupato due palle per il 5-0. Una prova comunque ammirevole per Alberta, che ha approfittato per larghi tratti del match di una Vika irriconoscibile.
Preview. E dire che, al di là delle considerazioni inerenti il ranking e la caratura dell’avversaria, il match di Alberta appariva già chiuso in partenza. La trentaduenne di Fontanellato non aveva mai battuto una regina Wta e, soprattutto, non aveva mai vinto un match a Parigi in quattro partecipazioni (2006, 2007, 2010, 2011); inoltre, l’azzurra non aveva mai strappato un set alla Azarenka nelle tre sfide precedenti. Insomma, una serie di “mai” che lasciavano sperare ben poco. Dal canto suo, Victoria giocava il suo primo torneo dello Slam da numero uno del mondo proprio in quella Parigi dove non è mai andata oltre i quarti di finale (2009, 2011).
Illusione Brianti. Si inizia con l’azzurra al servizio e Vika mette subito le cose in chiaro: dritto al volo da metà campo, rovescio incrociato vincente ed è subito break (a 15). Il ritmo impresso dalla bielorussa è forsennato e decisamente fuori dalla portata di Alberta, che prova invano a variare il gioco per imbrigliare la sua avversaria. Nel quarto game, però, la Azarenka gioca un game pessimo al servizio e la Brianti la punisce con un lob millimetrico che le vale il controbreak: 2-2. La parmense cancella poi una palla break e conquista il suo terzo game consecutivo portandosi avanti 3-2. Il match prende una piega assolutamente inaspettata: Victoria non riesce più a sfondare, perdendo la misura dei colpi e con essi la pazienza (tanto da beccarsi i fischi dell’inflessibile pubblico parigino quando scaglia la racchetta per terra dopo l’ennesimo gratuito). Un’altalena di break e controbreak porta Alberta a servire per il set sul 5-3 ma, ahilei, cede la battuta a zero. Nel gioco successivo la Brianti arriva al set point, ma la Azarenka piazza tre vincenti consecutivi (rovescio, dritto, smorzata) e la riacciuffa sul 5-5. Salvata una rischiosa palla break per il 5-6, l’azzurra trascina la numero uno al tie-break: dopo essersi portata sul 5-1, Alberta fallisce due set point sul 6-4 ma poi chiude 8-6 sul rovescio lungo della Azarenka (26° errore gratuito del set!).
Vika, all’inferno e ritorno. Le scorie del primo set si ripercuotono all’inizio del secondo parziale, quando la ventiduenne di Minsk cede a 15 il suo primo turno di battuta. Al di là dei notevolissimi meriti della Brianti, stupisce la scarsissima efficacia della bielorussa in risposta e la totale assenza di acume tattico: in una giornata in cui le bordate da fondo non funzionano, Vika dimostra di non avere un piano B e invece di provare a tenere lo scambio continua imperterrita ad affossare colpi su colpi. Risultato? L’ennesimo errore di rovescio consegna ad un’incredula Brianti il doppio break: 3-0. La bielorussa è completamente nel pallone e la sequenza di errori è impressionante: non c’è un sol colpo che tenga e all’azzurra basta ora semplicemente tenere la palla in campo. La Azarenka si risveglia a metà del secondo set quando, dopo aver annullato due palle break per il 5-0, comincia gradualmente a diminuire il numero di errori e inizia una rimonta che sembrava impossibile: cinque giochi consecutivi ed è 5-4. Tutto da rifare. Adesso il trend si è invertito: la Brianti non ne imbrocca più una e Vika ha acquisito calma e sicurezza. Un dritto a campo aperto consegna alla bielorussa il sesto gioco di fila e con esso il set: 6-4. L’inizio del terzo set è però sulla falsariga del parziale precedente perché la Azarenka è nuovamente vittima dei doppi falli e consegna alla Brianti il break nel game d’apertura, subito però recuperato dalla bielorussa. Nel sesto game arriva il break di Vika (a zero), ora padrona del match. Alberta cede di schianto e i giochi scorrono via velocemente a favore della bielorussa, che con un parziale di dodici punti a uno si aggiudica il set decisivo col punteggio di 6-2.

C’era molta attesa per l’esordio di Flavia Pennetta, reduce dal ritiro a Roma per via di alcuni problemi al polso. Oltre due ore di battaglia confortano l’azzurra sul piano fisico, ma meno su quello tecnico. Al 1° turno del Roland Garros 2012 infatti, la brindisina fatica più del previsto per sconfiggere la cinese di Taipei Su-Wei Hsieh, n.69 del mondo, che cede alla distanza.
Inizio in sordina. Dieci anni fa l’unico precedente tra le due giocatrici, con una giovanissima Pennetta brava ad aggiudicarsi un match in un piccolo torneo ITF. Il match odierno sul campo n.17 del Roland Garros vede la Hsieh partire con il piede giusto, proponendosi con ottime soluzioni offensive e una buona fase difensiva. Un paio di break per parte mantengono il set sul 2-2, prima di un tentativo di allungo che l’asiatica porta a compimento sul 4-2 grazie al break al 6° gioco. L’elastico però non si spezza, e dopo aver salvato la palla del 2-5, l’azzurra trova la giusta continuità rimettendosi in scia. Un parziale di 10 punti a 1 permette infatti alla Pennetta d’impattare sul 4-4 ed operare il primo sorpasso di giornata sul 5-4. Errori e vincenti si compensano per le due giocatrici, e con un buon tunro al servizio la Hsieh torna sul pari sul 5-5. In risposta Flavia sembra a suo agio, ma finisce per fallire qualche occasione di troppo, come la palla break del 6-5 che evita alla brindisina di andare a servire per il set. Flavia comunque non demorde, trascinando la sua avversaria al tiè-break decisivo. Qui però è l’asiatica a predere in pungo le redini dello scambio, e con la giusta cattiveria impone il 7-3 finale che chiude la prima frazione.
Scalata vincente. Nel secondo parziale la Pennetta riesce a scappare grazie a due game ai vantaggi che la portano sul 2-0. Sul piano del gioco però ,l’azzurra fatica a cambiare passo, limitata da appena il 35% di prime palle. La Hsieh trova rapidamente le contromosse e impatta sul 2-2, sfiorando il sorpasso con 3 palle break nel 5° gioco. Flavia stringe i denti e conquista un game fiume che vale molto nell’economia del set. Si viaggia a folate, e il tira e molla continuo consente all’asiatica di trovare altri due game in serie per tornare avanti sul 4-3 servizio. Flavia risponde di par suo, e con un break a 0 si porta rapidamente sul 4-4 lanciandosi alla conquista del set. Set che si materializza fortunatamente poco dopo, concretizzando al meglio i successivi due game. La conquista del parziale sblocca definitivamente la brindisina, che nel terzo set fa valere il suo maggior tasso tecnico, conquistando campo e punti in maniera assai rapida. Il muro asiatico man mani si sfalda, e in meno di 20 minuti Flavia trova il break al 4° gioco prima d’involarsi sul 4-1. Meno precisa e poco mobile, la Hsieh perde costantemente terreno finendo per arrendersi sul 6-2 finale
T.it (n.d.r.)


Sconfitta prematura patita da Robertina Vinci. La tarantina, accreditata anche della testa di serie numero 17, è dovuta soccombere per mano della svedese Sofia Arwidsson, numero 54 del ranking WTA. Nonostante la Vinci fosse in vantaggio per 2-0 negli scontri diretti, non avendo lasciato neanche un set nei due precedenti confronti (datati 2010 anche se non su terra), la partita è girata fin da subito in mano alla giocatrice scandinava, brava a conquistare due break e lasciare le briciole all'avversaria, per assicurarsi il primo parziale. La rinascita della giocatrice italiana sembrava esserci nel secondo parziale ma era una vana illusione; conquistato il set, Robertina ha ceduto fino al 2-2, momento in cui la Arwidsson ha preso in mano la situazione operando il break che ha mantenuto fino alla fine del match.
TWI(n.d.r.)


avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Mar Mag 29, 2012 8:38 am

Paris - France

Day 3


le Azzurre, oggi



(image by RG off site)

F. Schiavone (Ita) d. K. Date K. (Jpn) 63 - 61


doppio

S. Errani/ R. Vinci (Ita) d. A. Brianti/P. Mayr A. (Ita/Aut) 61 – 63

F. Pennetta/F. Schiavone (Ita) S. Cirstea/ A. Morita (Rou/Jap) 62 – 20 (ritiro)

L’ostacolo Kimiko Date poteva nascondere più di qualche insidia, invece Francesca ha amministrato il match con tranquillità. La quasi 42enne (li compirà il 28 settembre) giapponese è rinomata per essere una grande lottatrice, una di quelle che bisogna battere sul serio. Invece la milanese ha giocato il suo tennis fatto di rotazioni e tagli cercando il più possibile di non dare alla Date la stessa palla. Sicuramente la nipponica si sarebbe trovata meglio contro un’avversaria “picchiatrice” sfruttando così la potenza dell’altra. Insomma un inizio di Roland Garros ottimale per la
finalista dello scorso anno che nell’ora e un quarto di partita ha colpito parecchie palle. La vittoria di sabato a Strasburgo le ha sicuramente dato molta fiducia.
Immagine e note da TWI (n.d.r.)



Altri risultati del giorno

Maria Sharapova (Rus) d. Alexandra Cadantu (Rou) 60 60
Petra Kvitova (Cze) d. (WC) Ashleigh Barty (Aus) 61 62
Virginie Razzano (Fra) d. Serena Williams (Usa) 46 76(5) 63
Caroline Wozniacki (Den) d. Eleni Daniilidou (Gre) 60 61
Maria Kirilenko (Rus) d. Victoria Larrière (Fra) 61 62
Anastasia Pavlyuchenkova (Rus) d. Greta Arn (Hun) 64 64
Kaia Kanepi (Est) d. Alexandra Panova (Rus) 63 63
Julia Goerges (Ger) d. Lucie Hradecka (Cze) 76(1) 64
Tsvetana Pironkova (Bul) d. Yanina Wickmayer (Bel) 36 60 63
Klara Zakopalova (Cze) d. Lesia Tsurenko (Ukr) 62 61
Irina-Camelia Begu (Rou) d. Aravane Rezai (Fra) 75 57 62
Jarmila Gajdosova (Aus) d. Magdalena Rybarikova (Svk) 63 41 ret.
Urszula Radwanska (Pol) d. Pauline Parmentier (Fra) 64 63
Ayumi Morita (Jpn) d. Polona Hercog (Slo) 36 64 63
Arantxa Rus (Ned) d. Jamie Hampton (Usa) 64 43 ret.
Lourdes Domínguez Lino (ESP) d. Marina Erakovic (NZL) 75 75
Melinda Czink (Hun) d. Anne Keothavong (Gbr) 61 62
Heather Watson (Gbr) d. Elena Vesnina (Rus) 62 64



(Photo by Getty Images)

Un match thriller sul Philippe Chatrier, ma alla fine la prima grandissima sorpresa del Roland Garros è servita: Virginie Razzano elimina clamorosamente Serena Williams al primo turno, in un incontro di rarissima intensità emotiva e colpi di scena. Lo score finale recita 4-6 7-6 (5) 6-3 per la portacolori francese ma dire che è successo di tutto è dir poco. Un'altra storia toccante, dopo quella vissuta col ritorno di Brian Baker nel circuito ATP, si consuma nel circuito femminile; un anno fa, alla vigilia dello slam di casa Virginie Razzano fu costretta alla partecipazione col lutto nel cuore. Proprio 6 giorni prima dell'esordio, il suo ragazzo e coach Stéphane Vidal la lasciava a soli 32 anni, dopo la lunga malattia causata da un tumore al cervello. Un anno dopo, eccola qui, sul centrale, davanti la sua gente, alzare le braccia al cielo e conquistare la vittoria più importante della sua carriera, infliggendo per la prima volta in carriera la sconfitta al primo turno in uno Slam per la minore delle Williams. Sfuma così anche il record di 11 americane al secondo turno (non accadeva da nove anni): una beffa che proprio la giocatrice più rappresentativa abbia tradito le attese. A Serena non rimane che il misto con Bob Bryan, prima di recarsi a Londra.
Serena Williams arriva a Parigi con i favori del pronostico addirittura per la vittoria finale, nonostante i dubbi suscitati dopo il forfait al foro italico prima della semifinale con Na Li per un problema alla schiena. Per capire che la Serena in campo sia lontana parente dalla regina di Madrid, capace di surclassare le prime della classe, bastano pochi scambi. L'americana è fallosa e nervosa, spinge ma poco o nulla le rimane in campo, però come nella maggior parte dei casi nel tennis, la giocatrice più quotata sfrutta i passaggi a vuoto della sua avversaria per prendere il sopravvento. Il copione sembra scritto quando Virginie sciupa sul 4-3 e servizio nel primo set, cedendo per 6-4 la frazione, giocata ad armi pari con l'ex nr.1 al mondo. Tuttavia, la Razzano non molla, continua a tener testa a Serenona che spesso spazientita manda in tribuna la risposta e soccombe anche in alcuni scambi fisici. Le certezze della statunitense sembrano vacillare, ma al tiebreak la stora sembra scritta: 5-2 e due servizi a disposizione per la plurivincitrice slam per archiviare la pratica. Niente di più semplice per una campionessa del genere, ma accade l'impensabile: la transalpina rosicchia punto dopo punto il vantaggio di Serena e comincia a crederci. Morale della favola: 5 punti consecutivi, tiebreak vinto per 7-5 dalla tennista di casa e terzo set. Poco male, alla distanza la Williams esce sempre. Ancora una volta, la maggior parte di noi viene colto da un clamoroso abbaglio. Gioco dopo gioco, la Razzano vola sulle ali dell'entusiasmo sul 5-0 in un'atmosfera surreale. Serena rimane li, ci prova e tenta la rimonta: 5-1, recupera uno dei due break sul 5-2, 5-3. Il "braccino" sembra prendere possesso della francese come nei peggiori degli incubi, come per la Brianti ieri contro la Azarenka. Tutto sembra andare storto, sembra una costante della vita di questa sfortunata ragazza. Mettiamoci pure i crampi al momento di chiudere il match, e la Asderaki che dall'alto del suo trespolo chiama 3 punti disturbati mentre la francese è al servizio. Un mix esplosivo che avrebbe potuto portare sull'orlo della crisi nervosa chiunque. Ma un lieto fine, almeno nel tennis, deve esserci. Il match point sembra stregato per Virginie: un game fiume, in cui servono addirittura 8 palle per portare le braccia al cielo e dedicare questa epica impresa a chi non c'è più, ma che sicuramente avrà spinto la Razzano più di chiunque altro. Toccante l'intervista a caldo in cui la francese ha parlato al presente di Stephane Vidal affermando che "E' un grande coach in campo".
TWI (n.d.r.)





avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Mer Mag 30, 2012 7:21 am

Paris - France

Day 4


Azzurre in gara, oggi



S. Errani (Ita) d. M. Oudin (Usa) 62 - 63

F. Pennetta (Ita) d. A. Glatch (Usa) 63 - 61

Altri risultati del 2° Turno

V. Azarenka (Blr) d. D. Pfizenmaier (Ger) 61 61
S. Stosur (Aus) d. I. Falconi (Usa) 61 64
P. Martic (Cro) d. M. Bartoli (Fra) 62 36 63
A. Ivanovic (Srb) d. S. Peer (Isr) 62 62
D. Cibulkova (Svk) d. V. King (Usa) 60 62
M.J. Martínez Sánchez (Esp) d. (20) L. Safarova (Cze) 64 75
M. Johansson (Fra) d. (24) P. Cetkovska (Cze) 76(1) 62
S. Kuznetsova (Rus) d. C. Yung-Jan (Tpe) 64 76(4)
N. Petrova (Rus) d. C. Scheepers (Rsa) 63 63
A. Medina Garrigues (Esp) d. I. Pavlovic (Fra) 63 62
A. Wozniak (Can) d. (31) Z. Jie (Chn) 62 64
S. Stephens (Usa) d. B. Mattek-Sands (Usa) 61 61
A Radwanska (Pol) d. V. Williams (Usa) 62 - 63


Vittoria secondo pronostico per Sara Errani al 2° turno. In apertura di giornata la romagnola regola senza affanni la giovane wild card americana Melanie Oudin, oggi n.266 del mondo, ma n° 31 nel 2010. Bastano circa 70 minuti alla testa di serie n.21 per imporre il suo maggior tasso tecnico e chiudere il match.
Un inizio devastante mette subito in discesa il match per la romagnola, che senza indugi prende in pugno lo scambio imppostanto il suo ritmo. L’americana va subito in affanno, mostrando notevoli limiti sul rosso, lasciando alla Errani ampi margini di manovra. Ottima al servizio e perfetta in risposta, l’azzurra si ritrova in meno di 20 minuti sul 5-0, ipotecando di fatto la prima frazione. Un leggero calo fisiologico permette all’americana di evitare il cappotto e di riuscire anche a concretizzare una palla break, arrendendosi poi sul 6-2.
Nel secondo set Sarita cala la sua intensita' da fondo accettando un palleggio più prolungato. L’americana riesce cosi a respirare e con qualche errore gratuito in meno, resta in scia. La Errani infatti, dopo essere scappata sul 3-1, si lascia riacciuffare dalla Oudin sul 3-3. L’equilibrio resta però abbastanza apparente e basta davvero poco all’azzurra per allungare le mani verso il successo. Sara decide infatti di cambiare passo, piazzando un break di 3 giochi consecutivi che mettono i titoli di coda al confronto e lanciano l’azzurra la 3° turno.
T.it (n.d.r.)


Avanza comodamente anche Flavia Pennetta, che dispone di Alexa Glatch grazie ad un agevole 63 61. Dopo la grande paura nel match di primo turno contro la Hsieh, la brindisina ha mostrato un buon livello di gioco, approfittando anche dell'inclocudenza della sua avversaria (27 errori non forzati), che proprio su questi campi nel 2009 le inflisse una sonora sconfitta all'esordio (61 61). L'azzura però, oggi è apparsa centrata e poco fallosa, costantemente con le redini del punteggio tra le mani. Il primo set infatti si apre con un'ottima partenza della Pennetta che conquista il break ma si fa riprendere sul 3-3, prima di innestare la marcia e conquistare ben cinque giochi consecutivi che le consentono di portarsi sul 6-3 2-0. A questo punto, Flavia abbassa la guardia e concede nuovamente il controbreak, ma con un'altra serie di quattro games chiude definitivamente i conti e strappa il pass per il terzo turno.
TWI (n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Gio Mag 31, 2012 9:43 am

Paris - France

Day 5


Francesca raggiunge Flavia e Sara

singolare
2° turno

A Pavlyuchenkova (Rus) d. M. Czink (Hun) 46 – 63 - 63
P. Kvitova (Cze) d. U. Radwanska (Pol) 61 – 63
K. Zakopalova (Cze) d. M. Kirilenko (Rus) 64 – 36 – 63
A. Kerber (Ger) d. O. Govortsova (Blr) 63 – 62
N. Bratchilova (Rus) d. C. Feuerstein (Fra) 36 – 63 - 75
C. Wozniacki (Den) d. J. Gajdosova (Aus) 61 – 64
F. Schiavone (Ita) d. T. Pironkova (Bul) 26 – 63 - 61
Li Na (Chn) d. S. Foretz G. (Fra) 60 - 62
K. Kanepi (Est) d. I. Begu (Rou) 64 – 61
V. Lepchenko (Usa) d. J. Jankovic (Srb) 76(74) – 46 – 64
C. Suarez N. (Esp) d. S. Karatantcheva (Kaz) 46 – 64 - 61
C. McHale (Usa) d. L. Davis (Usa) 61 - 63
Y. Shvedova (Kaz) d. S. Ardvisson (Swe) 61 - 60
A. Rus (Ned) d. V. Razzano (Fra) 63 – 76(73)
S. Peng (Chn) d. L. Dominguez L. (Esp) 64 – 63
J. Goerges (Ger) d. H. Watson (Gbr) 63 - 64



doppi azzurri
2° turno

S. Errani/ R. Vinci (Ita) d. S-W. Hsieh /T. Babos (Tpe/Hun) 64 - 62

F. Pennetta/F. Schiavone (Ita) d A. Kerber/A. Radwanska (Ger/Pol) 36 – 64 - 62


Ci ha fatto spaventare, ma alla fine ce l’ha fatta. E’ questo, in sintesi, il pomeriggio di Francesca Schiavone. La milanese ha rischiato grosso contro Tsvetana Pironkova, 25enne bulgara che di solito gioca bene solo sull’erba (vanta una semifinale e un quarto nelle ultime due edizioni di Wimbledon), ma ha dominato alla distanza. Dopo il 2-6 6-3 6-1 che le ha consegnato il terzo turno, ci si può dividere in due scuole di pensiero. Gli ottimisti credono che le battaglie darnano ulteriore carica alla Leonessa, sempre più desiderosa di firmare altre imprese.
Tuttavia questo match nasconde problematiche profonde. Come sarebbe finita se la Pironkova non avesse avuto problemi alla gamba destra, fasciata a livello del polpaccio e della coscia? E se non avesse avuto problemi al piede, tanto che a un cambio campo si è addirittura tolta la scarpa dal dolore? Insomma, contro un’altra avversaria questa Schiavone l’avrebbe sfangata?
E’ stata una partita a due facce, che la Schiavone è riuscita a girare prima che l’allarme diventasse rosso. Nel primo set non riusciva a trovare il campo, il bandolo della matassa. Il gioco atipico della Pironkova l’ha disorientata fino al 6-2 finale. Gelo, spavento sulla parte italica delle tribune. Francesca ha ripreso a condurre in avvio di secondo set, subito dopo essersi concessa una sosta ai box. La bulgara, sempre più convinta di poter fare il colpaccio, ha tenuto duro fino al 2-2 ma un break al quinto gioco ha decisamente indirizzato il match. In avvio di terzo la Pironkova ha strappato il servizio alla Schiavone, facendo pensare a un’altra battaglia. Invece si è progressivamente spenta, psicologicamente e fisicamente, fino a perdere 6 giochi consecutivi. Il match si è giocato in condizioni non semplici, con un forte vento che spirava di qua e di là. Ma alla fine ciò che conta è il risultato, e la Schiavone l’ha portata a casa.
TB (n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Ven Giu 01, 2012 8:39 am

Paris - France

Day 6


Azzurre: 3 - 1
Sarrita agli ottavi
- Pennetta Out


2° turno

M. Sharapova (Rus) d. A. Morita (Ypn) 61 - 61

3° turno

S. Errani (Ita) d. A Ivanovic (Srb) 16 – 75 - 63
e ora Sara sale al n° 19 del WTA ranking
S. Stephens (Usa) d. M. Johansson (Fra) 63 – 62
D. Cibulkova (Svk) d. MJ Martinez S. (Esp) 62 - 61
S. Kuznetsova (Rus) d. A. Radwanska (Pol) 61 – 62
P. Martic (Cro) d. A. Medina G. (Esp) 62 - 61
S. Stosur (Aus) d. N. Petrova (Rus) 63 – 63
V. Azarenka (Blr) d. A. Wozniak (Can) 64 – 64
A Kerber (Ger) d. F. Pennetta (Ita) 46 – 63 - 62




E' una giocatrice matura Sara Errani. Oggi,contro la Ivanovic, è arrivata la conferma... sempre che questa fosse necessaria. Sì perché Sara parte malissimo ma nonostante questo rimane concentrata e attacca a un match che sembrava dovesse scappare via in malo modo. Il primo set, infatti, è della bella Ana Ivanovic che per 25 minuti gioca a livelli "stile 2008" e sulle seconde di servizio all'acqua di rosa della nostra Sara risponde con dei dritti in sventaglio che lasciano ben poco spazio al gioco: 6-1 e partenza con handicap. La Errani, come detto però, non si fa prendere dal panico e pian piano inizia a variare i suoi colpi non rinunciando a scendere a rete quando serve ma, soprattuto, cercando di allungare il più possibile lo scambio. Da quel momento ne viene fuori una partita anche di nervi, con le due giocatrici bravissime e breakkarsi ma incapaci di mantenere poi il vantaggio sul proprio turno di servizio. Il momento decisivo però è sul 5-5: la Errani approfitta di una game regalato dalla Ivanovic che, anziché prodursi del consueto break, regala 4 errori gratuiti consecutivi e permette alla romagnola di tenere il servizio. Bingo. La Errani breakka nel game successivo la serba e fa suo per 7-5 un set combattutissimo. Il terzo e decisivo set si sviluppa sulla falsa riga del secondo: le tue tenniste passano i game a stapparsi il servizio a vicenda, con la Ivanovic brava ad attaccare in risposta le seconde (ma anche qualche prima) deboli della Errani e l'italiana, viceversa, a costringere allo scambio lungo la Ivanovic. Alla meglio però, alla fine, riesce ad averlo la Errani grazie anche a qualche rischio in più preso in battuta ma, soprattutto, alla perdita di confidenza della Ivanovic che messa fuori ritmo dalle variazioni di Sara non è più riuscita a trovare le sventagliate vincenti che portavano punti immediati nel giro di pochi scambi. La Errani vola così per la prima volta agli ottavi di finale del Roland Garros e contemporaneamente supera un altro record: non aveva mai battuto una top15 del ranking WTA. La maturità è completa.

Nel match rinviato ieri per oscurità Maria Sharapova si libera senza troppa difficoltà della giapponese Ayumi Morita. Troppo particolare il tennis della nipponica e soprattutto troppo potente la Shrapova per poter essere messa in difficoltà. La sfida sul Suzanne Lenglen dura infatti un'ora esatta... giusto il tempo di un allenamento. La Sharapova approda dunque al terzo turno del Roland Garros concedendo in tutto soltanto due game: vedremo se al terzo turno la cinese Peng riuscirà a fare qualcosa di meglio.

Non la si può definire una sorpresa, ma poco ci manca. Svetlana Kuznetsova asfalta, letteralmente, la testa di serie numero 3 Agnieszka Radwanska che in poco più di un'ora è costretta a lasciare il torneo parigino. La russa prende a "pallinate" per tutto il primo set la polacca non lasciandole nemmeno una volta il servizio e, anche nel secondo, riesce comunque a domare una Radwanska sicuramente più propositiva ma poco cinica sui punti importanti. Le percentuali al servizio della numero 3 al mondo sono poi imbarazzanti: con la seconda la polacca ha convertito soltanto il 21% di punti. Troppo poco per sbarazzarsi di una Kuznetsova esperta di questa superficie e che ora incontrerà agli ottavi proprio la nostra Sara Errani. Per la romagnola l'impresa non è impossibile a patto di riuscire ad allungare la partita il più possibile.

Finisce al terzo turno l'avventura parigina di Flavia Pennetta. La tennista brindisina ha fatto di tutto per mettere in difficoltà la solidità dal fondo della Kerber e, per buona parte del match, ci è anche riuscita, ma a pagare alla fine sono stati i troppi errori non forzati derivati dalla ricerca continua della profondità e del rischio. La Pennetta, come detto, parte bene aggiudicandosi il primo set grazie a un fondamentale break nel nono gioco arrivato dopo due bellissimi attacchi a rete. Nel secondo set, però, la Kerber ha proseguito nel mostrare la sua solidità dal fondo e al servizio mente la brindisina è leggermente scesa. Decisiva la parte centrale del secondo set: la Pennetta non sfrutta due palle break nel quinto game ma anzi si fa togliere il servizio nel gioco successivo. La brindisina trova la reazione immediata nel settimo gioco ma, nell'ottavo, è costretta nuovamente a cedere la battuta. Da lì inizia il declino di Flavia che inizia a sbagliare un po' troppo a fronte di una Kerber che, invece, non sbaglia più nulla. Il terzo set è equilibrato fino al 2-2 ma poi, la tedesca testa di serie numero 10, infila 4 giochi consecutivi e si aggiudica l'accesso agli ottavi di finale. Per lei ora la sorpresa del tabellone femminile: la croata Petra Martic.
Yahoo/Eurosport(n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Sab Giu 02, 2012 8:37 am

Paris - France

Day 7

Azzurre: 2 - 1
Francesca Out


(image by RG off site)

singolare
3° turno - 2a giornata

Y. Shvedova (Kaz) d. C. Suarez N. (Esp) 64 - 75
P. Kvitova (Cze) d. N. Bratchilova (Rus) 62 – 46 - 61
V. Lepchenko (Usa) d. F. Schiavone (Ita) 36 – 63 – 86
Li Na (Chn) d. C. McHale (Usa) 36 – 62 – 61
K. Zakopalova (Cze) d. A. Pavlyuchenkova (Rus) 63 - 75
M. Sharapova (Rus) d. S. Peng (Chn) 62 – 61
K. Kanepi (Est) d. C. Wozniacki (Den) 61 – 67(37) – 63
A. Rus (Ned) d. J. Goerges (Ger) 76(75) – 26 – 62


Doppi Azzurri
3° turno


(image by Federtennis)
S. Errani/ R. Vinci (Ita) d. N. Bratchikova/E. Gallovitis (Rus/Rou) 64 - 62

N. Llagostena V./M.J. Martinez S. (Esp) d. F. Pennetta/F. Schiavone (Ita) 63 – 26 – 62


Finisce qui la magia di Francesca Schiavone. Ad interrompere il sogno parigino della tennista milanese è l'americana di origine uzbeca Varvara Lepchenko , dopo una battaglia durata oltre 3 ore. Qualche rammarico per la Leonessa resta ma, tanto merito, va attribuito all'americana che, dopo aver fatto fuori Jelena Jankovic si è sbarazzata quindi di un'altra testa di serie e si regala gli ottavi di finale contro la campionessa in carica di Wimbledon Petra Kvitova.
E' stata una partita strana, che è girata più volte e che sembrava potesse girare anche alla fine, quando prima di essere sconfitta Francesca Schiavone ha avuto 4 chance di rientrare per l'ennesima volta nel match. Ha vinto la grande solidità dal fondo dell'americana anche se, per la Leonessa, il match non era iniziato male.
Portatasi avanti piuttosto facilmente, la Schiavone ha avuto la percezione di che genere di match sarebbe diventato solo nel finale di primo set quando prima di chiude, ha dovuto sudarsi per ben 9 volte il punto che gli è valso il primo set. Sì perché l'americana, come un diesel anni '80, ha iniziato a carburare con il passare del match e nel secondo set è sempre riuscita a tenere il servizio salvando solo un paio di palle break della Schiavone in avvio e breakkando la milanese proprio sul più bello: nell'ottavo gioco infatti la Lepchenko ha strappato la battuta a Francesca con delle perentorie palle potenti dal fondo e, senza nemmeno dare il tempo a Francesca di reagire, ha portato il set al terzo.
Lì è successo praticamente di tutto. La Schiavone ha prima salvato 2 palle break nel primo game per poi breakkare "a zero" la Lepchenko nel quarto. Set deciso? Macché. L'americana, che già a Madrid aveva giustiziato Francesca, infila 3 giochi consecutivi e sposta l'inerzia del match a suo favore. Sembra tutto fatto: la Lepchenko va a servire per il match sul 5-4 ma Francesca gioca un game perfetto obbligando l'avversaria al prolungato scambio dal fondo e sfinendola con un paio di dropshot di pregevole fattura. Sul 5-5 la sfida è aperta a ogni possibilità ma in realtà l'equilibrio dura poco. Temo due game infatti la Lepchenko riesce nuovamente a togliere il servizio a Francesca con due splendidi vincenti consecutivi: uno che pulisce la linea di fondo e l'altro un'ottima discesa a rete. La Schiavone però, come sempre accade sui campi del Roland Garros, sfodera il suo carattere e per la seconda volta prova a strappare il controbreak all'americana arrivata a servire per il set: lo 0-40 iniziale illude tutti tranne la Lepchenko che, ancora una volta, sfodera due vincenti consecutivi e sfrutta un errore di Francesca. L'inerzia del game è cambiata e l'americana, prima di chiudere con uno schiaffo di rovescio, annulla addirittura la quarta chance di Francesca.
La Leonessa si ferma così al terzo turno ma, per lo meno, può essere soddisfatta di aver ritrovato una solidità e una sicurezza che in questo 2012 non si erano mai visti. La Lepchenko, invece, vola agli ottavi di finale dove inconterà Petra Kvitiova. E dopo Jankovic e Schiavone sognare non costa nulla.

Si è presa una pausa "da sabato mattina" Petra Kvitova. La testa di serie numero 4 del torneo e campionessa in carica di Wimbledon, dopo aver vinto il primo set ed essere immediatamente andata avanti 2-0 anche nel secondo, si addormenta contro la comunque ottima Bratchikova ed è obbligata di conseguenza al terzo set.
La ceca, avanti di un due game nel secondo set, si addormenta per una ventina di minuti e permette alla russa Bratchikova di strapparle 3 volte il servizio e infilare 5 giochi consecutivi. Set compromesso, la Kvitova torna in se nel terzo quando riprende in mano le redini dello scambio (e della sua testa) e senza troppo problemi si garantisce gli ottavi di finale con un perentorio 6-1. Per lei ora Varvara Lepchenko.

Discorso più o meno simile alla Kvitova anche per Na Li. La campionessa in carica del Roland Garros ha il suo bel da fare nel primo set, quando l'americana McHale mette a dura prova la resistenza della cinese e sfrutta a dovere un passaggio a vuoto proprio quando la Li sembrava essere rientrata in possesso del set. Fiutato il pericolo, Na Li ha innalzato il livello del suo tennis chiudendo con perentorio 6-2, 6-1 i due set successivi. Per la testa di serie numero 7 adesso, impiegata dalla parte di tabellone proprio di Petra Kvitova, la sorprendente kazaca proveniente dalle qualificazioni, Yaroslava Shvedova.

Maria Sharapova è entrata nel torneo parigino con una grande solidità mentale e lo dimostra anche nel match con Shuai Peng. Il risultato è perentorio e non c'è granché da raccontare, ma bisogna fare comunque i complimenti alla cinese. E' lei infatti quella che detiene il record di game strappati alla russa: 3 in tutto il match. All'inizio Masha parte forte con un doppio break, ma si fa controbreakare dalla Peng, che tiene poi il servizio. Non dura molto la resistenza della cinese, che riuscirà a conquistare il suo piccolo record nel quinto gioco del secondo set. E' 4-1 Masha, che poi diventa 5-1 e con due match point la russa trasforma il primo grazie all'errore di dritto dell'avversaria. Adesso affronterà Klara Zakopalova.

L'onore azzurro viene tenuto alto dal nostro fortissimo doppio: Sara Errani e Roberta Vinci sono agli ottavi, dopo aver vinto 6-2 6-2 contro la coppia formata da Nina Bratchikova ed Edina Gallovits-Hall. Ora dovranno affrontare Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina. Intanto, però, le "prove olimpiche" per le due ragazze stanno andando sempre meglio.
Non esattamente lo stesso discorso si può fare per la coppia Pennetta-Schiavone. Dopo la dipartita nei singolari del terzo turno, le due ragazze vengono eliminate anche nel doppio.
Yahoo/Eurosport (n.d.r.)


Esce di scena la 9 del seeding Caroline Wozniacki. La danese è stata sconfitta dall'estone Kaia Kanepi, testa di serie numero 23. Il match poteva essere chiuso in meno di un'ora se solo la Kanepi non fosse andata nel pallone al momento di concretizzare una fino ad allora impeccabile prestazione che l'aveva portata comodamente sul 6-1 5-1. La tennista di Tallin è riuscita nell'impresa di sciupare 3 palle match, smarrendo poi anche i 2 break di vantaggio. La Wozniacki, una volta rientrata, sul 5 pari non ha sfruttato 2 palle del 6-5, cedendo ancora una volta il servizio. Chiamata per la terza volta a servire per approdare agli ottavi di finale Kaia ha tremato ancora, consegnando l'ennesima possibilità a Caroline di riaprire l'incontro. La danese si è ricordata di esser stata numero 1 del mondo, e grazie ad un impeccabile tiebreak dominato per 7 punti a 3 ha spinto il match al set decisivo, dove si è riproposta la supremazia dell'estone, fatta di bordate da fondocampo e di poderosi servizi. Kaia, anche nel terzo si è portata facilmente sul 5-1, prima di chiudere al quinto match point complessivo dopo l'immancabile braccino.
TWI (n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Sab Giu 02, 2012 8:40 am

Paris - France


Francesca: Positiva nonostante la sconfitta

“Sto ritrovando le risorse per andarmi a prendere i punti in campo. Non esco dal torneo con lo stesso stato d’animo di Roma, al contrario ne esco in maniera positiva”

C’è sconfitta e sconfitta e quella riportata oggi da Francesca Schiavone non è del tutto negativa: dal campo, rispetto a qualche tempo fa, arrivano indicazioni positive e l’obiettivo ora è quello di proseguire su questa strada.
La Schiavone sta vivendo oramai da qualche tempo una nuova fase della sua carriera sportiva ed ora, l’uscita al terzo turno del Roland Garros, apre per la milanese nuovi scenari da interpretare. Francesca non è sazia, le vittorie degli ultimi due anni non possono essere un unicum nella sua carriera, quindi l’obiettivo è ricalibrare il proprio lavoro per tentare di risalire la china e provare ancora a scrivere, con lavoro e sacrificio, belle pagine di tennis italiano.

Qual è la tua sensazione in questo momento? Come hai visto questo match?
Ho giocato bene il primo set spingendo a fondo, le cose sono andate bene fino al 3-2 per lei nel secondo. In quel frangente ho avuto almeno 5/6 palle break e questo significa che sto iniziando di nuovo a crearmi delle possibilità: sto ritrovando le risorse per andarmi a prendere i punti che costruisco, manca solo un po’ d’abitudine. In quest’ottica mancano le partite importanti, anche se sto giocando meglio. Non esco dal torneo con lo stesso stato d’animo di Roma, esco in maniera positiva.

Quando pensi di aver perso la partita? C’è stato un momento in cui ti sei detta.. oramai è andata?
Non c’è stato un momento, semplicemente sono riuscita a cogliere le mie possibilità, ma in queste occasioni è un attimo. Magari un po’ più di aggressività in certe momenti avrebbe aiutato, quando hai la possibilità di dritto devi metterla a segno e prendere il punto.

Spesso quando hai giocato la palla corta il punto l’hai fatto…
Quando ho avuto la possibilità ho fatto la palla corta, quando però non c’è non la puoi creare, penso di aver gestito bene in quei frangenti il gioco.

Quali sono le occasioni che senti di aver sprecato?
Come ho detto prima eravamo 3-2 nel secondo, ma potevamo benissimo esser 4- 1 per me, perché ci siamo trovate con uno 0-40 a mio vantaggio. Lei in quella situazione ha accusato un po’ di fatica a livello fisico e se fossi riuscita a vincere quel ame magari la partita avrebbe potuto avere un finale diverso. Le possibilità le ho avute anche nel terzo, nonostante non abbia giocato benissimo. In generale credo di aver giocato una signora partita anche se non perfetta. Quando è così alla fine esci dal campo che senti di aver comunque costruito qualcosa. Sono sicura di essere sulla strada giusta.

Con questa sconfitta esci dalle top venti, ora bisogna riprogrammare un po’ la stagione e porsi nuovi obiettivi..
Questa fase è già iniziata da qualche tempo, ma ad oggi ancora non ho so come programmarla di preciso ed è abbastanza difficile. Riuscire a mettere insieme tutte le cose non è semplice: sicuramente i miei desideri e le mie ambizioni seguono le stessa direzione, ma non so in questo momento come realizzarli. Di sicuro ora voglio prendermi Wimbledon, perché le sensazioni che ti regala l’erba sono uniche. Appena uscita dal campo ho detto al mio preparatore di concentrasi su questo: sarà questo il nostro prossimo obiettivo, farsi trovare pronti mentalmente e fisicamente per Wimbledon, lavorando duro. In generale devo trovare quello che voglio, quello che fa per me e visto che sono molto pretenziosa, so che ci vorrà un po’ di tempo.

Qual è il sunto di questa esperienza parigina?
In qualche modo credo si vinca sempre: si vince quando si esce dal campo e, nonostante la sconfitta, si è dato tutto quello che avevamo dentro di noi. Questo ti permette di tornare a casa con pezzi importanti e di recuperare le energie necessarie per andare avanti.
Immagine e articolo da T.it (n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Sab Giu 02, 2012 8:44 am

Paris - France

Fine di una favola

Prima o poi doveva succedere. E' accaduto oggi, beffardamente.

La storia d’amore tra Francesca Schiavone e il Roland Garros si è interrotta alle due del pomeriggio del 2 giugno 2012, al termine di una furibonda battaglia contro Varvara Lepchenko. Francesca le ha provate tutte per sottrarsi al destino, ma non c’è stato niente da fare. L’americana nata a Tashkent si è imposta e meritatamente.
E’ una sconfitta durissima, simbolica. La Schiavone perderà la leadership italiana e non è detto che riuscirà a riconquistarla. Perde 1.400 punti, ne conquista 160. Facendo due calcoli, dovrebbe scendere al numero 28. Diventerà la numero 4 azzurra alle spalle di Pennetta, Vinci ed Errani. La leadership nazionale dovrebbe tornare nelle mani della brindisina, che con il terzo turno parigino salirà a 2.470 punti. Per superarla, la Errani dovrà arrivare addirittura in semifinale: gli ottavi non le bastano, e nemmeno una vittoria contro la Kuznetsova sarebbe sufficiente perché salirebbe a quota 2.450. Ma è questione di tempo, perché Sara è destinata a prendere in mano il nostro tennis rosa, se non altro per ragioni anagrafiche.
La Schiavone, invece, è a un bivio. Il tempo è scaduto.
Tra 20 giorni compirà 32 anni e spreme il fisico da tre lustri.
I livelli toccati nel 2010, probabilmente, non torneranno più. Adesso starà a lei decidere cosa fare. Continuare a lottare per togliersi ancora qualche soddisfazione (con il vantaggio di non avere più pressione addosso) oppure lasciarsi andare a un lento declino?
Difficile ipotizzare cosa succederà, perché entrare nella mente di “Franci” è pressochè impossibile.
Immagine e stralcio da articolo da TB (n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Dom Giu 03, 2012 7:47 am

Paris - France

Day 8

Sara "guadagna" i quarti!
Cibulkova elimina Azarenka




(photo by Getty Images)


Ottavi di finale
1a giornata

S. Errani (Ita) d. S. Kuznetsova (Rus) 60 - 75
A. Kerber (Ger) d. P. Martic (Cro) 63 - 75
D. Cibulkova (Svk) d. V. Azarenka (Blr) 62 – 76( 74)
S. Stosur (Aus) d. S. Stephens (Usa) 75 – 64


Sara Errani non si ferma più. E' una grandissima prestazione quella della romagnola che in 2 set fa fuori la vincitrice del Roland Garros 2009 Svetlana Kuznetsova e approda ai quarti di finale contro la tedesca Angelique Kerber.
Perfetta. Non vengono in mente altri aggettivi per descrivere la partita della Errani.
La romagnola schianta una Kuznetsova incapace di sostenere l'atletismo (e la gara "di testa") che Sara ha imposto fin dal primo scambio, impendendo alla russa di mettere i piedi in campo e fare il gioco a lei più congeniale. Il primo set da questo punto di vista è emblematico: la Errani parte annullando due palle break sul proprio turno di servizio e da quel momento non si ferma più; la Kuznetsova cerca il più possibile di accorciare gli scambi andando alla caccia di colpi vincenti ma, la potenza della pallina della russa, è sempre ben contenuta da una Errani in grado di far muovere l'avversaria lungo la linea laterale e costringerla di conseguenza all'errore. Ecco quindi spiegato un primo set senza storia, dove la romagnola breakka per ben 3 volte la russa e si porta via il primo set con un perentorio 6-0 più che mai meritato.
La Kuznetsova capisce che per provare a far partita con un'avversaria così in palla fisicamente è necessario avere anche un po' di pazienza, evitando la ricerca esasperata del vincente. La partenza di secondo set, però, sembra un clone del primo: la Errani sotto 15-40 nel primo turno di servizio infila 4 punti consecutivi e, anche nel game successivo, riesce a breakkare la Kuznetosva salendo immediatamente 2-0. La campionessa del 2009 però, come accennato, riesce a innalzare il suo livello di tennis e nel momento di massimo sforzo approfitta del (mini) calo fisiologico di una Errani sin lì perfetta. La russa riesce infatti non solo a rientrare nella gara, ma a strappare un break nel settimo gioco che la porta fino al 5-4 e servizio: la partita può essere riaperta.
A quel punto, però, sale in cattedra una Errani strepitosa che breakka "a zero" la Kuznetsova e si riporta in lotta per il primo set. Palle profonde, spin, palle corte e discese a rete spingono indietro o costringono al movimento una russa che non riesce mai a mettere i piedi in campo e di conseguenza diventa meno pericolosa. La Errani tiene il servizio e, su quello della Kuznetsova, trova l'ennesima magia della sua giornata: la russa avrebbe due palle per trascinare il set al tie-break ma la romagnola, ancora una volta, infila quattro punti consecutivi vincendo il suo settimo game ai vantaggi su otto e volando in semifinale.


(image by Eurosport)
E' costretta all'addio prematuro Vika Azarenka che cede sotto i colpi della slovacca Ciubulkova e, con buone probabilità (Sharapova permettendo), perderà anche la leadership della classifica femminile. La Cibulkova scende in campo carica e forte di un Roland Garros fino a quel momento praticamente perfetto (mai più di due game in un set lasciati alle avversarie) e, questa regola, viene conferma sorprendentemente anche in avvio di gara. La slovacca infatti subisce immediatamente il break dall'Azarenka ma, incredibilmente, infila 6 giochi consecutivi e fa suo un primo set giocato a velocità incredibili. La numero uno sembra entrare in un tunnel dal quale esce soltanto a metà del secondo set quando sotto di un break, riesce a rientrare in partita sul 4-4. L'Azarenka, rinvigorita, trova addirittura il break che la manda a servire per il set ma la Cibulkova è brava a rimanere concentrata e restituire immediatamente il mal tolto prolungando la partita al tie-break. La slovacca, forte dell'inerzia psicologica, resiste bene al "martellamento" dal fondo della numero 1 al mondo e riesce a concludere per 7 punti a 3
Yahoo/Eurosport (n.d.r.)
[/size]

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Dom Giu 03, 2012 7:51 am

Paris - France



Errani "Curiosa di sapere dove arriverò"

La tennista azzurra è soddisfatta della prova con la Kuznetsova e ora punta in alto, sperando di arrivare più avanti possibile in questo Roland Garros

"E' stata una bella partita, giocata bene anche tatticamente. Sono partita bene anche nel secondo set, poi ho avuto un piccolo calo e lei ha alzato molto il livello, ha cominciato a variare di più. Anche quando sono stata sotto 5-3 sapevo di poter recuperare, erano stati tutti game molto lottati".

Sara Errani racconta così la sua vittoria sulla russa Kuznetsova che le è valsa la qualificazione ai quarti del Roland Garros femminile.

"Ora devo restare con i piedi per terra - aggiunge la 25enne ravennate - ho vinto due bei match, ma devo essere altrettanto brava a restare carica e concentrata. Sono molto contenta, soprattutto sono curiosa di scoprire fino a che livello posso arrivare. Sinceramente non lo so neppure io...".

Intanto martedì nei quarti troverà Angelique Kerber, 24 anni mancina di Brema, numero 10 del mondo. Proprio la tedesca ha eliminato al terzo turno Flavia Pennetta, alla quale aveva anche negato la qualificazione alle semifinali nel settembre scorso agli US Open. C'è un solo precedente tra la Errani e la Kerber: la tedesca ha vinto 6-1 6-2 ad Auckland ad inizio stagione. Ma si giocava sul cemento e soprattutto non era la Errani scatenata degli ultimi mesi.

"E' molto forte - dice Sara - sta giocando una stagione pazzesca, non a caso è entrata nelle top ten. E' molto solida e poi le mancine mi danno fastidio, ti costringono a cambiare un po' i tuoi schemi. Non ho visto il match contro Flavia, ma rimedierò cercando su YouTube...".
Immagine e articolo da Yahoo/Eurosport (n.d.r.)






Clamorosa Errani !


I quarti di finale in Australia erano una sorpresa, quelli al Roland Garros sono la conferma. Sara Errani è ufficialmente una campionessa. Ma una Campionessa con la C maiuscola. Dopo aver battuto Ana Ivanovic, vincitrice nel 2008, si è imposta ancora più nettamente su Svetlana Kuznetsova, campionessa nel 2009 e vincitrice in tutti i cinque precedenti. Una partita in cui “Sarita” era sfavorita, se non altro per il modo in cui la russa aveva asfaltato Agnieszka Radwanska al terzo turno. Una prestazione troppo bella per essere vera. E infatti si è rivelata un fuoco di paglia contro una Errani attenta, concentrata e sempre più sicura di sé. La romagnola ha sempre cercato di migliorare e di migliorarsi, ma a volte peccava di troppa…umiltà. Quello che indubbiamente è un pregio rischiava di diventare un limite. “Si vede che non ho ancora il livello per giocare contro le top 10” disse con gli occhioni azzurri sgranati quando le si chiedeva un parere sul desolante 0-28 in carriera contro le top 10. La statistica è rimasta tale, perché Ivanovic e Kuznetsova sono scese in classifica. Ma queste vittorie, ottenute sui campi più importanti del Roland Garros, certificano il salto di qualità della Errani, che con questa vittoria entrerà tra le prime 20 al mondo. La beffa è che non sono ancora sufficienti per diventare numero 1 d’Italia: se la Errani dovesse perdere contro la Kerber, Flavia Pennetta le resterebbe davanti per 20 miseri punti WTA. Ma la suggestione è troppa: nel torneo in cui si spegne (per sempre?) la luce di Francesca Schiavone, l’Italia del tennis femminile potrebbe aver trovato la nuova condottiera. Una ragazza nata a Bologna ma cresciuta a Massa Lombarda, alta un metro e “ho tanta voglia di crescere”.

Pronti, via, contro la Kuznetsova ha portato a casa i primi otto game. Era domenica mattina anche per i francesi così il Campo Chatrier era mezzo vuoto. Nessun problema per “Sarita”, che aveva ben chiaro cosa fare: far muovere la russa, impedirle di giocare il dritto in posizione comoda. Alla fine “Sveta” commetterà 38 errori gratuiti, una media di oltre due per game. Sara riuscirà a tenere positivo il bilancio tra colpi vincenti ed errori gratuiti (20 a 17), mentre il passivo della russa (-12) farà la differenza. Sul 6-0 2-0 ha sofferto di vertigini e sono iniziate la difficoltà. La Kuznetsova ha preso a tenere qualche palla in campo e ha azzeccato un parziale di cinque giochi a uno, volando sul 5-3. C’era aria di terzo set. Per tutti, ma non per la Errani, che ha ripreso a macinare il suo tennis regolare e si è aggiudicata gli ultimi quattro game prima di alzare le braccia al cielo di Parigi e godersi un risultato straordinario, di cui però non si deve accontentare. E non si accontenterà. Nei quarti se la vedrà con Angelique Kerber, la stessa che sprangò le porte delle semifinali a Flavia Pennetta allo scorso Us Open. La stessa che ha superato Flavia al terzo turno di questo Roland Garros. Negli ottavi, la tedesca ha messo fine alla corsa di Petra Martic, battuta 6-3 7-5. Sarà una partita tesa, difficile, i cui contenuti andranno oltre gli aspetti tecnico-tattici. La posta in palio sarà altissima, e poco conterà l’unico precedente, giocato in gennaio a Hobart. In Tasmania vinse la tedesca con un rapido 6-1 6-2. Ma era il primo torneo dell’anno, e “Sarita” non si era ancora accorta di essere così forte.
Immagine e articolo da TB (n.d.r.)


avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Lun Giu 04, 2012 3:06 am

Paris - France

Day 9

Doppio
QFs
Day 1


(immagine Federtennis)

S. Errani/ R. Vinci (Ita) d. E. Makarova/E. Vesnina 64 – 57 – 64

Sara e Roberta fanno 13 e accedono alle SF
Tredicesima vittoria consecutiva per Sara e Roberta che oggi hanno superato la coppia russa Makarova/ Vesnina, gia' battute in finale a Madrid e a Roma.
In SF se la vedranno con la coppia spagnola (12)


N. Llagostena V./M.J.Martinez S. (Esp) d. J. Gajdosova/A. Rodionova 62 – 63


avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Lun Giu 04, 2012 8:18 am

Paris - France

Day 9


singolare
ottavi di finale
2a giornata


Y. Shvedova(Kaz) d. Li Na (Chn) 36 – 62 – 60
M. Sharapova (Rus) d. K. Zakopalova (Cze) 64 – 67(57) - 62
P. Kvitova (Cze) d. V. Lepchenko (Usa) 62 – 61
K. Kanepi (Est) d. A. Rus (Ned) 61 – 46 - 60

Shvedova - Na Li
Sarebbe stato difficile se non impossibile per Na Li riconfermare il titolo del Roland Garros dello scorso anno, ma essere estromessa da una giocatrice lontanissima dai vertici come Yaroslava Shvedova non lo si poteva quasi immaginare. Invece è accaduto. La numero 142 del mondo, proveniente dalle qualificazioni ha spento i sogni di un altro Slam in cascina alla forte cinese con una partita giocata veramente bene dopo un inizio tremolante. La Shvedova, preme dirlo, non è una sprovveduta. Il suo ranking attuale non rispecchia il suo valore reale. I molteplici infortuni ed un aumento di peso le hanno impedito per oltre 1 anno e mezzo di esprimersi a livelli ottimali, relegandola invece al ruolo di buona doppista (insieme a Vania King vanta successi a iosa).
Nel 2010 aveva toccato il suo best ranking di numero 29 ed oggi ha mostrato al pubblico parigino di sapere come si gioca a tennis. Non nascondiamo però un’altra verità: Na Li ha sbagliato l’impossibile. Dopo un primo set ben giocato dove i colpi profondi e potenti della cinese hanno fatto la differenza, nel secondo la kazaka d’adozione ha iniziato a prendere confidenza con la palla e cosa grave, la Li non è stata capace ad arginare l’avversaria sciogliendosi come neve al sole. Perentorio il terzo set: un 6-0 al limite del sopportabile per uno spettatore. Bene allora la Shvedova. I riscatti dopo momenti no, ci piacciono e come.

Sharapova - Zakopalova
Momenti di grande panico per Maria Sharapova nel suo ottavo di finale. Seppur balbettando e commettendo una caterba di errori, la neo-vincitrice del Fioro Italico ha dovuto faticare per tre set prima di aver ragione della Zakopalova. La bella russa, dopo i primi tre turni vinti concedendo in complessivo solo cinque giochi, parte bene facendo presagire l'ennesimo allenamento agonistico parigino. Al break iniziale, però segue l'immediato rientro della Zakopalova, che prova a impensierire la sua avversaria entrando ad occhi chiusi. Nonostante i buoni propositi, Masha dispone per 6-2 e anche nel secondo tenta la fuga, ma in tre occasioni viene ripresa. Addirittura per due volte manca la chiusura al servizio per il match sul 5-4 e 6-5, facendosi trascinare al tiebreak. Il parziale si complica e la ceca tra lo stupore generale riesce a portare a casa il gioco decisivo per 7 punti a 5. Ma nella terza frazione, Maria mette subito le cose in chiaro e vola sul 5-1, manca un match point e si fa brekkare per la nona volta nella partita, tuttavia conclude sul 6-2. Straniscono però i 50 errori non forzati della russa, e le percentuali deficitarie sulla seconda di servizio, con un blando 30% di punti vinti.

Kvitova - Lepchenko
Tutto facile per Petra Kvitova; la testa di serie nr.4 del tabellone ha sconfitto agevolmente Varvara Lepchenko, giustiziere nel turno precedente della nostra Francesca Schiavone. L'americana ha ceduto infatti per 6-2 6-1, lontana dall'impensierire seriamente la top ten, mai in difficoltà sul proprio servizio, che ha concluso senza concedere palle break. La ceca chiude anche in positivo il conto winners/unforced con ben 13 vincenti e 11 errori. Con due break per set e 20 punti in più della sua avversaria, Petra strappa il meritato pass per i quarti di finale.

TWI (n.d.r.)

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  errex il Mar Giu 05, 2012 3:37 am

Paris - France

Day 10


Samantha e Sara
in semifinale


singolare
quarti di finale
1a giornata





S. Stosur (Aus) d. D. Cibulkova (Svk) 64 - 61


S. Errani (Ita) d. A. Kerber (Ger) 63 - 76(72)



(photos by AFP/Getty)

nuovo best ranking per Sarrita: 14


(Sara by Francois Lenoir/Reuters)


Sam Stosur ha dominato il giustiziere dell'Azarenka, Dominika Cibulkova, con un punteggio che lascia poco spazio ai commenti. Sì perché la Stosur, come spesso le accade, avrebbe potuto chiudere agilmente anche il primo set ma si è addormentata proprio sul traguardo e dal 5-2 e servizio ha permesso alla svovacca di rientrare fino al 5-4 e palla break. Lì la Stosur si è risvegliata chiudendo di prepotenza con l'arma servizio-dritto e garantendosi un secondo set più tranquillo. L'australiana, infatti, da quel momento in poi è tornata a dominare garantendosi piuttosto agevolmente l'accesso alla semifinale. Sulla sua strada ora Sara Errani e siamo certi che, per arrivare all'ultimo atto nel pomeriggio di sabato, l'australiana dovrà evitare i sonni improvvisi.

Iniziano a scarseggiare gli aggettivi per Sara Errani. Dopo la Ivanovic, dopo la Kuznetsova, ad inchinarsi ai colpi della "romagnola di Spagna" è anche la testa di serie numero 10 del torneo Angelique Kerber. Partita pazzesca di "Sarita" che approda per la prima volta in carriera in semifinale al Roland Garros e lo fa mostrando i due volti di una giocatrice che sembra essere al culmine della sua carriera professionale.
Nel primo set la Errani si trova a dominare una Kerber sorpresa - e appare strano - dall'intensità e dalla profondità delle palle della romagnola. La Errani trova un break immediato in apertura di set e, nonostante la tedesca salga in qualità di scambio in scambio, non concede nemmeno una palla break alla sua avversaria ma, anzi, chiude strappando lei il servizio alla tedesca e piazzando un 6-3 più che mai meritato.
Il secondo set, invece, è parecchio più complicato. La Kerber si accorge (come la Kuznetsova) che dagli scambi lunghi si esce quasi sempre sconfitti. La tedesca prova quindi a cercare più vincenti col dritto e, quando non li trova, a rallentare lo scambio con una palla alta e lavorata che effettivamente qualche problema alla Errani lo crea. Ne viene fuori di conseguenza un turbinio di break e controbreak che dura per tutto il set: La Kerber breakka nel terzo, nel settimo, nel nono e nell'undicesimo game; la Errani però risponde con grande tenacia nel quarto, ottavo, decimo e nel fondamentale dodicesimo gioco. Qui la Kerber avrebbe per la seconda volta nel set la possibilità di chiudere il discorso partita e trascinare le velleità al terzo ma, la Errani, sfodera lo sforzo finale e obbliga alla continua corsa una Kerber che dopo una palla corta "salva set" appare davvero in carenza d'ossigeno.
La Errani, saggiamente, capisce che l'inerzia è tutta dalla sua parte e il momento per affondare il colpo del ko è maturo: raggiunto il tie-break la romagnola scappa subito 3-0 e, sfruttando ancora le variazioni (dritti pesanti, rotazioni e palle corte), riesce a procurarsi un vantaggio iniziale che taglia definitivamente la gambe alla tedesca. La Kerber, infatti, va in tilt e dopo aver girato il campo sul 4-2 non trova più un singolo punto consentendo alla Errani di volare in semifinale. Lì ci sarà l'australiana Sam Stosur e, come scritto 2 giorni fa, sognare non è vietato.
Yahoo/Eurosport (n.d.r.)



avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Roland Garros - 2° Grand Slam (28)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum