WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Mar Mag 15, 2012 10:44 pm

Wimbledon - UK

25/6 - 8/7


Name: The Championship Wimbledon
Category: Grand Slam
Surface: Grass


Campionessa uscente: Petra Kvitova



(pic by Aeltc - W off site)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Gio Mag 17, 2012 7:05 pm

Wimbledon - UK


Entry List

Victoria Azarenka (BLR)
Maria Sharapova (RUS)
Agnieszka Radwańska (POL)
Petra Kvitová (CZE)
Samantha Stosur (AUS)
Serena Williams (USA)
Marion Bartoli (FRA)
Caroline Wozniacki (DEN)
Na Li (CHN)
Vera Zvonareva (RUS)
Angelique Kerber (GER)
Andrea Petković (GER)
Sabine Lisicki (GER)
Francesca Schiavone (ITA)
Ana Ivanović (SRB)
Maria Kirilenko (RUS)
Dominika Cibulková (SVK)
Daniela Hantuchová (SVK)
Roberta Vinci (ITA)
Jelena Janković (SRB)
Flavia Pennetta (ITA)
Lucie Šafářová (CZE)
Shuai Peng (CHN)
Sara Errani (ITA)
Alisa Kleybanova (RUS - SR # 24)
Kaia Kanepi (EST)
Anastasia Pavlyuchenkova (RUS)
Svetlana Kuznezova (RUS)
Petra Cetkovská (CZE)
Julia Görges (GER)
Nadia Petrova (RUS)
Anabel Medina Garrigues (ESP)
Mona Barthel (GER)
Jie Zheng (CHN)
Yanina Wickmayer (BEL)
Monica Niculescu (ROU)
Christina McHale (USA)
Polona Hercog (SLO)
Ksenia Pervak (KAZ)
Ekaterina Makarova (RUS)
Carla Suárez Navarro (ESP)
Marina Eraković (NZL)
Klára Zakopalová (CZE)
Kim Clijsters (BEL)
Tsvetana Pironkova (BUL)
Ágnes Szávay (HUN - SR # 44)
Sorana Cîrstea (ROU)
Galina Voskoboeva (KAZ)
María José Martínez Sánchez (ESP)
Petra Martić (CRO)
Simona Halep (ROU)
Chanelle Scheepers (RSA)
Iveta Benešová (CZE)
Tamira Paszek (AUT)
Aleksandra Wozniak (CAN)
Shahar Pe'er (ISR)
Lucie Hradecká (CZE)
Irina-Camelia Begu (ROU)
Barbora Záhlavová-Strýcová (CZE)
Vania King (USA)
Varvara Lepchenko (USA)
Silvia Soler Espinosa (ESP)
Sofia Arvidsson (SWE)
Kateryna Bondarenko (UKR)
Venus Williams (USA)
Su-wei Hsieh (TPE)
Pauline Parmentier (FRA)
Timea Babos (HUN)
Eleni Daniilidou (GRE)
Romina Oprandi (SUI)
Jarmila Gajdošová (AUS)
Elena Baltacha (GBR)
Michaëlla Krajicek (NED)
Anna Tatishvili (GEO)
Kimiko Date-Krumm (JPN)
Alexandra Cadanțu (ROU)
Olga Govortsova (BLR)
Anne Keothavong (GBR)
Ayumi Morita (JPN)
Alexandra Panova (RUS)
Elena Vesnina (RUS)
Vera Dushevina (RUS)
Johanna Larsson (SWE)
Patricia Mayr-Achleitner (AUT)
Stéphanie Foretz Gacon (FRA)
Mandy Minella (LUX)
Edina Gallovits-Hall (ROU)
Alizé Cornet (FRA)
Jamie Hampton (USA)
Alexandra Dulgheru (ROU)
Mathilde Johansson (FRA)
Kiki Bertens (NED)
Urszula Radwańska (POL)
Sloane Stephens (USA)
Laura Pous Tio(ESP)
Lourdes Domínguez Lino (ESP)
Tamarine Tanasugarn (THA)
Casey Dellacqua (AUS)
Andrea Hlaváčková (CZE)[/color]
Arantxa Rus (NED)
Stéphanie Dubois (CAN)
Anastasiya Yakimova (BLR)
Irina Falconi (USA)
Akgul Amanmuradova (UZB)
Kai-chen Chang (TPE)
Alberta Brianti (ITA)
Gréta Arn (HUN)
Anastasia Rodionova (AUS)
Magdaléna Rybáriková (SVK)
Nina Bratchikova (RUS)
8 WC
12 Q


Alternates Italiane

Karin Knapp (ITA)

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Gio Giu 21, 2012 5:12 am

Wimbledon - UK


Azzurre al via


Si aggiungono alla pattuglia "rosa" anche Maria Elena Camerin e Camila Giorgi, provenienti dalle Quali.
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Ven Giu 22, 2012 3:25 am

Wimbledon - UK


Main Draw

[1] Maria Sharapova (RUS) v Anastasia Rodionova (AUS)
[Q] Vesna Dolonc (SRB) v Tsvetana Pironkova (BUL)
Hsieh Su-Wei (TPE) v [WC] Virginie Razzano (FRA)
Stephanie Foretz Gacon (FRA) v [29] Monica Niculescu (ROU)

[23] Petra Cetkovska (CZE) v Vania King (USA)
Sloane Stephens (USA) v [Q] Karolina Pliskova (CZE)
Bojana Jovanovski (SRB) v Eleni Daniilidou (GRE)
Petra Martic (CRO) v [15] Sabine Lisicki (GER)

[12] Vera Zvonareva (RUS) v Mona Barthel (GER)
Edina Gallovits-Hall (ROU) v Silvia Soler-Espinosa (ESP)
Chang Kai-Chen (TPE) v Andrea Hlavackova (CZE)
Kim Clijsters (BEL) v [18] Jelena Jankovic (SRB)

[28] Christina McHale (USA) v [WC] Johanna Konta (GBR)
Lesia Tsurenko (UKR) v Mathilde Johansson (FRA)
Ekaterina Makarova (RUS) v Alberta Brianti (ITA)
Lucie Hradecka (CZE) v [8] Angelique Kerber (GER)

[3] Agnieszka Radwanska (POL) v Magdalena Rybarikova (SVK)
Venus Williams (USA) v Elena Vesnina (RUS)
Iveta Benesova (CZE) v Heather Watson (GBR)
Jamie Hampton (USA) v [27] Daniela Hantuchova (SVK)

[20] Nadia Petrova (RUS) v [Q] Maria Elena Camerin (ITA)
Timea Babos (HUN) v [WC] Melanie Oudin (USA)
Tamarine Tanasugarn (THA) v Anna Tatishvili (GEO)
[Q] Camila Giorgi (ITA) v [16] Flavia Pennetta (ITA)

[11] Li Na (CHN) v Ksenia Pervak (KAZ)
Sorana Cirstea (ROU) v Pauline Parmentier (FRA)
[WC] Naomi Broady (GBR) v Lourdes Dominguez Lino (ESP)
Alexandra Cadantu (ROU) v [17] Maria Kirilenko (RUS)

[30] Peng Shuai (CHN) v [Q] Sandra Zaniewska (POL)
Jarmila Gajdosova (AUS) v Ayumi Morita (JPN)
Arantxa Rus (NED) v [LL] Misaki Doi (JPN)
Carla Suarez Navarro (ESP) v [5] Samantha Stosur (AUS)



[6] Serena Williams (USA) v Barbora Zahlavova Strycova (CZE)
Johanna Larsson (SWE) v [Q] Melinda Czink (HUN)
Vera Dushevina (RUS) v Aleksandra Wozniak (CAN)
Stephanie Dubois (CAN) v [25] Zheng Jie (CHN)

[19] Lucie Safarova (CZE) v Kiki Bertens (NED)
Chanelle Scheepers (RSA) v [WC] Yaroslava Shvedova (KAZ)
Laura Pous-Tio (ESP) v Anne Keothavong (GBR)
[Q] Coco Vandeweghe (USA) v [10] Sara Errani (ITA)

[13] Dominika Cibulkova (SVK) v Klara Zakopalova (CZE)
Olga Govortsova (BLR) v [Q] Annika Beck (GER)
Polona Hercog (SLO) v [Q] Kristyna Pliskova (CZE)
[WC] Laura Robson (GBR) v [24] Francesca Schiavone (ITA)

[31] Anastasia Pavlyuchenkova (RUS) v Sofia Arvidsson (SWE)
Patricia Mayr-Achleitner (AUT) v Varvara Lepchenko (USA)
Elena Baltacha (GBR) v Karin Knapp (ITA)
Akgul Amanmuradova (UZB) v [4] Petra Kvitova (CZE)

[7] Caroline Wozniacki (DEN) v Tamira Paszek (AUT)
Alize Cornet (FRA) v Nina Bratchikova (RUS)
Greta Arn (HUN) v Galina Voskoboeva (KAZ)
Yanina Wickmayer (BEL) v [32] Svetlana Kuznetsova (RUS)

[21] Roberta Vinci (ITA) v [WC] Ashleigh Barty (AUS)
Urszula Radwanska (POL) v Marina Erakovic (NZL)
[Q] Mirjana Lucic (CRO) v Alexandra Panova (RUS)
Casey Dellacqua (AUS) v [9] Marion Bartoli (FRA)

[14] Ana Ivanovic (SRB) v Maria Jose Martinez Sanchez (ESP)
Kimiko Date-Krumm (JPN) v Kateryna Bondarenko (UKR)
Anastasiya Yakimova (BLR) v Mandy Minella (LUX)
Shahar Peer (ISR) v [22] Julia Goerges (GER)

[26] Anabel Medina Garrigues (ESP) v Simona Halep (ROU)
[Q] Jana Cepelova (SVK) v [Q] Kristina Mladenovic (FRA)
Irina-Camelia Begu (ROU) v Romina Oprandi (SUI)
Irina Falconi (USA) v [2] Victoria Azarenka (BLR)

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Lun Giu 25, 2012 2:33 am

Wimbledon - UK


le Italiane, oggi : - 3


C. Giorgi (Ita) d. F. Pennetta 64 - 63
E. Makarova (us) d. A. Brianti (Ita) 62 – 36 – 63
N. Petrova (Rus) d. M. E. Camerin (Ita) 60 – 62




(image by Ludus GS Mgmt Group)

Camila Giorgi vive la maggior parte del tempo negli States, parla spagnolo meglio del marchigiano. La nazionalità recita però Italia; il derby è servito e tanto clamore se dall'altro lato della rete di staglia la figura di Flavia Pennetta, super favorita da bookmakers e addetti ai lavori. Gli stessi avranno però posto attenzione a questa bionda ragazzina italiana, la conosceranno per i suoi risultati pregressi e si stupiranno di una classifica che non le rende merito.
Condotta di gara scellerata, tantissimi vincenti e altrettanti errori, un servizio condito da due prime e non da una prima e una seconda e un padre indigesto ai più. Volente o nolente, qui si identificano le cause di un'ascesa che era iniziata prestissimo, a 16 anni ma che da lì si è interrotta, nonostante alcuni exploit che facessero pensare come il futuro roseo del tricolore potesse essere riposto nelle sue mani piuttosto che in Burnett, Errani, Caregaro e via discorrendo.
5 ITF vinti, una vita passata negli USA e una programmazione che da quest'anno è ambiziosa: la ricetta per le TOP 100 dovrebbe iniziare da qui dopo le quali fallite al Roland Garros, lo scalpo di Petrova al torneo di Memphis ad inizio anno e quei tanti bassi da azzerare per avere una giocatrice che, come qualità e pesantezza di colpi, non ha nulla da invidiare alle top players. La sua avvenenza parla per sè, e quindi godiamoci questo nuovo talento.
Passa dalla porta di servizio la prestazione di Flavia Pennetta, sempre costretta a rincorrere dal 3-0 del primo set, poi recuperato dal 5-2 sotto prima di riperdere il servizio sul 6-4 e con esso il parziale e una disastrosa prestazione nel secondo set, dal momento in cui, sul 3-2 il match le scorre completamente di mano.
Quasi un passaggio di consegne in un match completamente dominato dalla giocatrice di Macerata, con concrete possibilità di approdare al terzo turno, essendo opposta alla georgiana Tatishvili

Immagine e articolo da TWI (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Mar Giu 26, 2012 5:28 am

Wimbledon - UK


le Italiane, oggi : 5 - 1


F. Schiavone (Ita) d. L. Robson (Gbr) 26 – 64 – 64
E. Baltacha (Gbr) d. K. Knapp (Ita) 46 – 64 – 60
R. Vinci (Ita) d. A. Barty (Aus) 62 – 64


Francesca Schiavone supera il primo difficile ostacolo rappresentato dalla giovane speranza britannica classe 1994 Laura Robson piazzando un'ottima rimonta. Nessun precedente tra le due a parte la sfida di Hopman Cup della passata stagione. Questo fattore ha di sicuro giovato alla padrona di casa che per un set e mezzo ha letteralmente annichilito la nostra Schiavone a suon di servizio e dritto. Dopo i primi 3 giochi nei quali nessuna delle 2 giocatrici ha messo a segno un punto alla risposta, la Robson è stata la prima a prendere le misure in ribattuta trovando risposte pesanti e profonde ed approfittando di alcuni regali sotto rete di Francesca. Il break è giunto al quarto gioco, bissato poi sul 5-2 in favore della Robson.
A fine set la Schiavone usufruisce del medical time out per problemi al fianco destro. Il secondo set inizia sotto cattivi auspici per l'azzurra. Infatti la giovane padrona di casa continua a martellare conquistando 3 palle break sul 3-2. Da questo momento in poi sale in cattedra la Schiavone. Grazie alla grinta ed all'esperienza Francesca risale, annulla le 3 occasioni di break, impatta l'avversaria sul 3 pari e le strappa il servizio per la prima volta nel match nel game successivo. La milanese completa la trasformazione in "Leonessa" aggiudicandosi un emozionante decimo gioco ai vantaggi, forzando cosi il match al set decisivo.
La Robson appare spenta, mentre Francesca porta l'incontro nel suo territorio di caccia preferito. Scambi lunghi, rovesci tagliati ed attacchi in controtempo la fanno da padrone ed il break è subito servito. "Checca" è finalmente solida e vola addirittura sul 4 a 1 grazie a 2 doppi falli consecutivi della britannica (ben 8 a fine match, 14 gli ACE). Sul 5-1 l'azzurra s'inceppa nuovamente, sciupa 3 match point e consente alla Robson di crederci ancora. La giovincella nata a Melbourne, ma inglese dal 2008, trova un insperato break e mette pressione alla nonstra connazionale riducendo le distanze fino al 4-5. Chiamata a servire ancora una volta per il match Francesca si issa sul 40-15, spreca altre 2 palle match (la seconda a causa di una prodezza della Robson), ma chiude poco dopo alla sesta occasione.
Dunque, dopo la paura Francesca Schiavone evita un'altra eliminazione al primo turno di Wimbledon grazie soprattutto al carattere.
TWI (n.d.r.)

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Mer Giu 27, 2012 2:41 am

Wimbledon - UK


le Italiane

S. Errani (Ita) d. C. Vandeweghe (Usa) 61 – 63
C. Giorgi (Ita) d. A Tatishvili (Geo) 63 – 61


Davvero curioso il finale di match tra Sara Errani e Coco Vandeweghe, interrotta ieri sera dalla pioggia prorpio sul match point. Quasi 10 minuti di palleggi per un punto che Sara Errani nemmeno gioca. L’azzurra si vede infatti recapitare un doppio fallo dalla statunitense, che lascia il campo dopo appena 30 secondi.
Formalità. Tutto troppo facile per Sara Errani nella prosecuzione del match di 1° turno contro statunitense Coco Vandeweghe, n.132 del mondo. L’azzurra ieri si è dovuta fermare proprio sul più bello, con la pioggia arrivata nel bel mezzo del match point. A nulla è valsa l’attesa, rimandando tutti al giorno dopo. Oggi infatti le due giocatrici sono tornate in campo, ma dopo i classici palleggi di riscaldamento, il match è praticamente finito, in quanto l’immediato doppio fallo della statunitense manda il match in archivio sul 6-1 -6-3 finale. Successo comunque meritato per l’azzurra, che ieri ha messo subito in chiaro il suo status da n.10 del mondo, alimentando un mix di pressione e solidità che ha reso inutile ogni tentativo della sua avversaria. Avanti 3-0 l’azzurra annullava un paio di palle break prima del nuovo allungo, che la portava a chiudere la prima frazione sul 6-1 in 34 minuti. Due break per parte aprivano invece la seconda frazione, che Sara ha provato a far sua grazie ad una maggiore dinamicità negli scambi. La Errani accelerava staccandosi sul 5-3, ma nel 9° gioco arrivava la pioggia, e sul vantaggio Errani, (dunque match point), si decideva per la sospensione.

T.it (n.d.r.)

Camila Giorgi in 51 minuti schianta la Tatishvili e per la prima volta in carriera accede al terzo turno in un torneo dello Slam.
La giocatrice di Macerata, proveniente dalle qualificazioni, ha eliminato al secondo turno per 63 61 in 51 minuti di partita Anna Tatishvili, classe 1990, n.73 del mondo.
Primo set: Camila avanti per 3 a 1, grazie ad un break al quarto gioco, subiva il controbreak nel quinto game (a 30, da 0-40).
Sul 3 a 2 l’azzurra brekkava nuovamente la giocatrice georgiana (a 15) e poi sul 5 a 3, da 15-30, piazzava tre punti consecutivi, manteneva il servizio e conquistava la prima frazione per 6 a 3.
Secondo set: La Giorgi strappava il servizio ad Anna nel primo ed al quinto game (break a 15 ed a 0).
Sul 4 a 1 Camila annullava due palle break dal 15-40, e poi nel gioco seguente toglieva per la terza volta nel set la battuta alla Tatishvili conquistando la partita per 6 a 1

LT. It


doppio

F. Pennetta/F. Schiavone d. A Pavlyuchenkova/L. Safarova 62 – 57 – 64
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Gio Giu 28, 2012 1:07 am

Wimbledon - UK


le Italiane, oggi
2° turno


S. Errani (Ita) d. A Keothavong (Gbr) 61 – 61
R. Vinci (Ita) d. M. Erakovic (Nzl) 64 – 63
F. Schiavone (Ita) d. Kr. Pliskova (Cze) 64 - 64


doppio

S. Errani/R. Vinci d. E. Birnerova/P. Cetkovska 62 - 61


Dopo lo strambo epilogo del suo incontro di primo turno di ieri, durato appena 7 secondi, prosegue spedita la marcia di Sara Errani sul verde di Wimbledon. Superato infatti senza problemi anche l'ostacolo rappresentato da Anne Keothavong, attuale nr.77 del ranking WTA e già sconfitta sull'erba di S'Hertogenbosch nel 2008. La 28enne tennista londinese ha ceduto il passo alla finalista di Parigi con il netto punteggio di 6-1 6-1. Altra buona prestazione dunque per la bolognese, che chiude il suo incontro senza subire break (nonostante le tre occasioni concesse nella seconda frazione), con 16 vincenti all'attivo e appena 5 errori non forzati.
Sara esce alla grande dai blocchi di partenza: alternando colpi profondi e solidi a improvvisi e mascherati drop, toglie ogni punto di riferimento alla Keothavong, costretta a cedere per due volte in apertura il servizio. Solo sul 4-0 la britannica riesce a sbloccare l'impetoso tabellino dei giochi, ma sul 5-1 smarrisce nuovamente la battuta a 0 consegnando il primo set alla bolognese. Parziale dominato dall'azzura, con 27 punti conquistati e solo 10 persi, un solo 15 ceduto sulla prima di servizio (10 su 11 equivalente al 90%). Nel secondo, Errani accusa un piccolo calo che le costa la prima palla break offerta alla sua avversaria. Sara però non si disunisce, tiene il suo turno e a sua volta strappa la battuta alla Keothavong issandosi sul 3-0. Ancora una volta, sul 4-1 l'azzurra sfrutta uno sciagurato doppio fallo della londinese a chiude senza patemi con il servizio per il duplice 6-1.

Avanza a braccetto anche l'ormai inseparabile compagna di doppio Roberta Vinci, brava ad archiviare la pratica Marina Erakovic. Il punteggio però non rappresenta la reale situazione emersa dal campo, in cui spesso ha regnato l'equilibrio. Tanti vincenti e pochi errori da entrambi i lati: parziale di 22-5 per l'italiana, 26-10 per l'avversaria, che ha tentato di opporre resistenza sino all'ultimo ma è crollata nel finale.
Roberta parte bene e passa al comando nel punteggio già nel terzo gioco, con un break conquistato ai vantaggi confermato successivamente sul 3-1. Erakovic però impedisce la fuga alla tennista pugliese e rientra sul 3-3. Ma da questo momento, un ottimo parziale di cinque giochi a uno porterà la Vinci sul 6-4 2-0 in suo favore. La neozalendese evita il tracollo in un un turno alla battuta interminabile e riesce addirittura ad impattare sulla parità. Ma sul 3-3, l'azzurra conquista il break decisivo che le consentirà di volare sul 5-3 e giocare a braccio sciolto in risposta per il 6-3 finale.

Non c'è due senza tre (quattro considerando anche la Giorgi): Francesca Schiavone si sbarazza in due set della ceca Pliskova ed approda anch'essa al terzo turno, dove troverà un'altra ceca, Klara Zakopalova, impostasi in mattinata sulla Govortsova. Non è riuscito alla giovane underdog ceca di ribaltare il pronostico e di far man bassa degli ormai celebri blackout della leonessa. Nonostante infatti la Pliskova vada avanti per 4-2 nel primo parziale, la Schiavone imbrocca la strada giusta facendo muovere l'avversaria con molti cambi di ritmo e, portando a casa un game delicatissimo come quello del 4-4, concluso ai vantaggi, riesce poi a mantenere il break conquistato e a portare a casa il primo set.
Anche nel secondo set è velleitaria la reazione della Pliskova, brava a portarsi immediatamente sul 2-0 prima di subire l'imperiosa rimonta di Francesca, brava ad infilare 4 games consecutivi e ad amministrare il vantaggio conquistato.
Per Francesca ora la Zakopalova.

TWI (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Ven Giu 29, 2012 3:20 am

Wimbledon - UK


chi va agli ottavi
day 1


S. Lisicki (Ger) d. S. Stephens (Usa) 76(75) – 16 – 62
M. Sharapova (Rus) d. S-W Hsieh (Tpe) 61 – 64
S. Peng Chn) d. A. Rus (Ned) 61 – 62
A. Kerber (Ger) d. C. McHale (Usa) 62 – 63
A. Radwanska (Pol) d. H. Watson (Gbr) 60 – 62
K. Clijsters (Bel) d. V. Zvonareva (Rus) 63 – 43 (ritiro)
M. Kirilenko (Rus) d. S. Cirstea (Rou) 63 - 61
C. Giorgi (Ita) d. N. Petrova (Rus) 63 – 76(86)


Camila Giorgi ce l'ha fatta a battere per la seconda volta consecutiva Nadia Petrova e a conquistare meritatamente il pass per gli ottavi di finale di Wimbledon. L'azzurra ha vinto per 6/3 7/6.
Avvio di gara a dir poco complicato per l'esperta giocatrice russa, chiamata fin da subito agli straordinari sui propri turni di battuta. Nel quarto game Camila ha piazzato la zampata che le ha poi permesso di issarsi sul 4/1, prima di completare l'opera tenendo un complicato turno di battuta nel nono gioco, ai vantaggi.
Nel set successivo è stata invece la Petrova a fuggir via nel punteggio e a portarsi agevolmente sul 5/1. A questo punto inattesa reazione della ventenne nostrana che a suon di vincenti e giocate rischiosissime ha saputo impattare clamorosamente sul 5 a 5. Le due sfidanti sono poi approdate al tiebreak, che ha visto Nadia avanti 4/2 prima dell'ennesima rimonta di Camila, brava a pareggiare i conti e a chiudere la contesa per 8 a 6, al secondo matchpoint a disposizione.
Davvero impressionante la nostra tennista, sempre padrona dello scambio e con una percentuale notevole di punti vincenti e discese a rete. Per finire una piccola curiosità: ha indossato un abitino di pizzo bianco fatto per lei appositamente dalla mamma.
Al prossimo turno Agnieszka Radwanska

TWI (n.d.r.)


doppio

F. Pennetta/F. Schiavone d. K. Peschke/K. Srebotnik (Cze/Slo) 63 – 46 - 61
S. Errani/R. Vinci d. C. McHale/ T. Paszek 61 - 63


Non ci sono solo Sara Errani e Roberta Vinci nel doppio italiano, vincitrici al secondo turno con un secco 6/1 6/3 su McHale e Paszek.
Anche Flavia Pennetta e Francesca Schiavone vogliono infatti dire la loro in chiave Wimbledon e in chiave olimpica. E così, il duo italiano, ha oggi dato una grande prova di forza contro le numero 3 del ranking Kveta Peschke e Katarina Srebotnik, campionesse in carica sull'erba inglese. Le due azzurre ne sono uscite al terzo set pet 6-3, 4-6, 6-1 con una straordinaria prova soprattutto di Francesca Schiavone a rete.

Il match era iniziato male per la coppia italiana, subito sotto 3-0. Da qui però, complice anche una serie di errori delle avversarie, Flavia e Francesca mettono a segno un parziale di 7 game a 0. Proprio quando il match sembrava evolvere a favore delle nostre, ecco però arrivare il break delle avversarie che riapre i giochi. Il terzo set, tuttavia, è stato giocato in modo perfetto da Schiavone e Pennetta, che resistono alla grande alle pressione messa dalle altre due sui loro turni di servizio. Ora sognare non è più impossibile, visto anche che Venus Williams e Serena Williams sono al momento dalla parte opposta del tabellone.

TWI (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Sab Giu 30, 2012 1:51 am

Wimbledon - UK

Italiane : 4 - 1 - Out Errani

chi va agli ottavi
day 2


A. Ivanovic (Srb) d. J. Goerges (Ger) 36 – 63 – 64
F. Schiavone (Ita) d. K. Zakopalova (Cze) 60 – 64
P. Kvitova (Cze) d. V. Lepchenko (Usa) 61 – 60
T. Paszek (Aut) d. Y. Wickmayer (Bel) 26 – 76(74) – 75
Y. Schvedova (Kaz) d. S. Errani (Ita) 60 – 64
V. Azarenka (Blr) d. J. Cepelova (Svk) 63 – 63
S. Williams (Usa) d. J. Zheng (Chn) 67(57) – 62 - 97
R. Vinci (Ita) d. M. Lucic (Cro) 76(74) – 76(73)


Terza sfida e terzo successo per Francesca Schiavone, che non incrociava la racchetta con Klara Zakopalova dal lontano 2004, anno dell’ultima sfida agli Us Open. 8 anni più tardi è ancora uno slam a far da sfondo alla loro sfida, che Francesca Schiavone interpreta al meglio, meritando ampiamente il successo. Un secco parziale di 12 punti a 2 mette di fatto in ghiaccio il primo set, con la ceca incapace di trovare soluzioni al pressing avversario. Francesca entra in campo, trova angoli e variazioni a lei gradite e tiene in pugno il ritmo dello scambio. La prima reazione della ceca non preoccupa l’ex regina del Roland Garros, che nel 4° gioco rimonta da 0-30 e scappa via sul 4-0. La Zakopalova sa di non poter accettare lo scambio da fondo, cercando giustamente accelerazioni improvvise e rischi più o meno calcolati. La percentuale a buon fine di tali rischi restano però assai bassi, cosi come il servizio, del tutto inutile nel primo set. Con 12 errori gratuiti e soli 9 punti incamerati, la ceca crolla in 22 minuti con un secco 6-0.
Il secondo set regala agli spettatori del campo n.12 qualche emozione in più, merito anche di una Zakopalova più attenta e precisa. La Schiavone tiene alto il suo livello di gioco, con poche sbavature e un servizio molto costante. Il primo game conquistato dalla ceca porta per la prima volta avanti la Zakopalova , ma la milanese resta in scia senza problemi. Un ottimo 80% di punti con la prima palla mette al sicuro l’azzurra, che può dedicarsi con maggior fiducia alla conquista di un break, che arriva puntualmente sul 3-3. Sotto 30-0 la Schiavone ribalta il game, e con i suoi ottimi cambi di ritmo manda in tilt la difesa avversaria, che si arrende ai vantaggi. Francesca gira avanti 4-3 senza più guardarsi indietro, dominando i suoi ultimi turni al servizio e portando a casa il successo per 6-4 dopo 1 ora e 8 minuti. In un torneo sempre poco benevolo, l’azzurra si ritrova per la seconda volta in carriera al 4° turno, raggiungendo i quarti di finale solo nel 2009. Per lei adesso la prova forse più ardua contro la campionessa in carica Petra Kvitova.


Era indicato come un match a rischio, quello più problematico per le azzurre impegnate oggi nel terzo turno a Wimbledon. Difficile, però, pensare ad una simile stesa. Già, perché altrimenti non è definibile la lezione di tennis riservata da Yaroslava Shvedova alla nostra Sara Errani, dominata e rispedita a casa con un sonoro 6-0 6-4. Dopo un primo set da incubo, la romagnola ha provato a rientrare in partita nel secondo parziale ma nulla ha potuto contro un’avversaria oggi semplicemente superiore. La Shvedova, anche lei autrice di un ottimo Roland Garros (fermata ai quarti da Petra Kvitova), strappa così il pass per gli ottavi e attende ora Serena o Jie Zheng. Per la Errani, ora sotto 3-1 nei precedenti con la kazaka, il traguardo della seconda settimana londinese rimane un miraggio.
L’inizio del match rivela una trama degna del peggior film horror per ‘Sarita’. La kazaka sciorina subito tutto il suo repertorio: aces, serve&volley, dritti vincenti, rovesci vincenti! Una grandinata tanto inattesa quanto furiosa che rende l’azzurra inerme, quasi tramortita. Alla Shvedova riesce di tutto, compresa una difficilissima veronica e un ace con la seconda (è già il quarto in cinque giochi). E poi ancora due sassate di dritto e, udite udite, il primo set è già finito: 6-0 in appena 15 minuti di gioco. Sì, in un quarto d’ora: roba da Guinness dei primati. Ma il punto non è quello, c’è di peggio: la Errani non ha vinto un solo punto nel set, il parziale in favore della Shvedova è 24-0! E dire che la romagnola ha commesso un solo errore, ma ciò non basta contro una giocatrice straripante, che ha messo a segno addirittura 14 vincenti e di certo mai vista in questa condizione. Il quesito è uno: posto che Sara possa e debba fare di più (specie alla battuta), è pensabile che la sua avversaria riesca a mantenere un livello di perfezione assoluta, tirando sempre e solo vincenti?
La risposta non tarda ad arrivare e, per nostra fortuna, è quella che ci aspettiamo. Il primo punto del secondo set va subito alla Errani, non sarà l’unico: due errori di Yaroslava e un lob millimetrico di rovescio consegnano il break all’azzurra, che poi consolida il vantaggio e con un dritto vincente si porta sul 2-0. C’è partita, almeno quello. L’uragano Shvedova torna a travolgere Sara, che prova a difendersi dall’assalto della kazaka azzardando un improbabile serve&volley: 2-2 e tutto da rifare. Ora l’inerzia del match è nuovamente girata e la ventiquattrenne di origine moscovita ha ripreso in mano il comando delle operazioni: piovono aces, dritti vincenti, rovesci vincenti. Alla Errani si può imputare la scarsa profondità del palleggio, che consente alla sua avversaria di giocare con i piedi ben piantati sulla linea di fondo e martellare a suo piacimento. Quando capisce di dover rischiare di più, si procura due palle break (sul 3-3) ma deve comunque inchinarsi al coraggio della Shvedova, che piazza un rovescio incrociato al volo, una volée vincente e un ace. L’azzurra rimane in partita fino al 5-4, quando sul suo servizio subisce due rovesci vincenti e un passante di dritto che proiettano la kazaka agli ottavi di finale. Meritatamente.

T.it (n.d.r.)

Roberta è riuscita a far sua la battaglia contro la croata Lucic grazie a due tiebreak. Nella prima frazione la tarantina è stata avanti di un break, sul 2/1, prima di patire l'immediato controbreak. Nel secondo set invece entrambe hanno servito benissimo e senza mai cedere il servizio sono approdate sul 6/6. Ora per l'azzurra ottavo di finale interessantissimo contro l'austriaca Tamira Paszek.
TWI (.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Lun Lug 02, 2012 5:03 am

Wimbledon - UK


ottavi

T. Paszek (Aut) d. R. Vinci (Ita) 62 – 62
S. Williams (Usa) d. Y. Schvedova (Kaz) 61 – 26 - 75
P. Kvitova (Cze) d. F. Schiavone (Ita) 46 – 75 - 61
S. Lisicki (Ger) d. M. Sharapova (Rus) 64 – 63
A. Radwanska (Pol) d. C. Giorgi (Ita) 62 – 63
A. Kerber (Ger) d. K. Clijsters (Bel) 61 – 61
M. Kirilenko (Rus) d. S. Peng Chn) 61 – 67(68) – 63
V. Azarenka (Blr) d. A. Ivanovic (Srb) 61 - 60



Si ferma agli ottavi di finale l'avventura inglese di Roberta Vinci. L'azzurra è stata sconfitta dall'austriaca Tamira Paszek con un doppio 62 che lascia poco all'immaginazione. Alla sua prima apparizione tra le ultime sedici di uno Slam, la Vinci non ha potuto nulla contro la potenza e la precisione della sua giovane avversaria che sull'erba esprime probabilmente il suo tennis migliore. Lo dimostra il recente torneo di Eastbourne vinto proprio da Tamira. Oggi il servizio dell'azzurra non ha funzionato per niente a differenza di sabato quando con la Lucic i punti sulla prima fioccavano. I pochi game vinti dalla tarantina sono venuti da break. Comunque poco o nulla da recriminare per la nostra. L'austriaca ha talento e ne sentiremo ancora parlare molto

Rimane un po' di amarezza per la il match perso da Francesca Schiavone contro Petra Kvitova. La leonessa si è battuta con coraggio e con un bel tennis al cospetto della regina in carica del torneo, ma deve lasciare agli ottavi di finale il passo alla mancina ceca.
Un primo set dove il protagonista è stato un solo break, quello conquistato da Francesca nel terzo game. La Kvitova ha vuto addirittura 10 palle break ma non è riuscita a sfruttarne neanche una. Da parte sua la milanese ha giocato in maniera sicura e con lo schema preciso da erba, ovvero non dare mai la stessa palla alla sua avversaria. Nonostante ben 7 doppi falli,la Schiavone è riuscita ad incamerare il primo set anche con la complicità di una Petra fallosa e con una mobilità abbastanza addormentata.
Nel secondo parziale ancora una volta è stata Francesca a dare il primo scossone con il break avvenuto, come nel set precedente, nel terzo gioco. Questa volta però la Kvitova è subito rientrata in partita riacciuffando l’azzurra e riportandosi in parità, nonostante le 2 chance di Francesca per allungare sul 3-1. La ragazzona di Bilovec ha iniziato così ha registrare il suo gioco in maniera più incisiva tagliando di netto i gratuiti e scampando con classe ad alcune situazioni che le avrebbero fatto vedere il baratro. Sul 5-5 infatti la Schiavone si è trovata avanti 15-30 sul servizio della ceca che è stata bravissima ad uscire fuori dalla buca. Chiamata a servire per restare nel set, la ex regina di Parigi ha buttato la chance di issarsi al tiebreak e sul 40-40 dopo una sospensione per l’umidità del campo dopo pochissime gocce di pioggia, ha perso i due successivi punti dando a Petra il set.
Il parziale finale si apre e continua fino alla conclusione sotto il segno della detentrice del titolo. La Kvitova infatti prende subito il largo e vola sul 2-0 (sull’1-0 lunghissima interruzione per il campo scivoloso con una Schiavone contrariata dalla decisone dell’arbitro di riprendere il gioco). Francesca non sfrutta 3 palle break per rientrare e allora queste occasioni finiscono per lanciare definitivamente la ceca ai quarti, dove affronterà Serena Williams.
Un vero peccato perché questa Schiavone meritava qualcosa in più. La brillantezza espressa in campo è quasi paragonabile a quella dei tempi migliore anche se maggiormente lunghi sono i passaggi a vuoto. Comunque proprio sulla superficie teoricamente per lei meno congeniale, la leonessa ritrova il suo tennis e la sua grinta. Già la scorsa settimana in Olanda aveva dato segnali di ripresa contro la Clijsters. Questo non può che farci piacere sia in vista del torneo olimpico sia per la stagione estiva sul cemento nordamericano.

Perde abbastanza nettamente ma non delude affatto Camila Giorgi, che cede alla polacca Radwanska, numero 3 del mondo. La maceratese infila 28 vincenti e 30 errori tra i quali ben 10 doppi falli. Agnieszka era la giocatrice meno indicata per permettere a Camila di riuscire a fare un po’ d’esperienza e di match in questo suo ottavo di finale che rimane un trampolino di lancio verso le parti alte del ranking Wta. Infatti la giocatrice di Cracovia ha dato spesso palle lente che hanno costretto la Giorgi a spingere. 11 vincenti per lei e 6 errori. Camila entrerà nelle prime 100 del mondo da lunedì prossimo e si è così guadagnata con alta probabilità il tabellone principale degli Us Open.

Grande sorpresa l' eliminazione di Maria Sharapova, costretta ad abbandonare il torneo per mano di una che, bisogna dire, sull'erba sa cosa fare. Sono solo 7 i games racimolati dalla numero 1 del mondo, incapace di oppore alcun tipo di resistenza al martellamento incessante da fondo al quale era sottoposta dai colpi della connazionale di Steffi Graf, altra che sapeva come camminare sui verdi prati dell'All England Club.
Una partita caratterizzata da ben 6 break, di cui 5 nel primo parziale, che ha visto un mordi e fuggi incessante da parte di entrambe, incapaci di prendere il largo. Sembrava la volta buona per la Lisicki quando, dal 3-1, si è alzata al 5-3 con possibilità di servire per il parziale. Irrigidita, ha perso il servizio, prima di conquistarlo nuovamente al game successivo e portare a casa il set. Al ritorno in campo, è perentorio l'allungo della tedesca che si porta subito sul 3-0 per mantenere poi il vantaggio e chiudere 6-3. Una partita lottata da fondo che la Sharapova ha perso al servizio, autrice di 4 doppi falli (come l'avversaria) ma autrice di basse percentuali di realizzazione sia sulla prima (56%) che sulla seconda (47%).
Per la giocatrice di Troisdorf, la migliore rivincita dopo la bruciante sconfitta subita lo scorso anno con lo stesso identico punteggio dalla russa in semifinale e i terzi quarti consecutivi sull'erba londinese, una tradizione ormai dal 2010 dove fu sconfitta dalla Safina. Per Sabine ora l'affascinante sfida-derby con la Kerber.
Sconfitta doppiamente bruciante invece per la russa, che con questa sconfitta non sarà più dalla prossima settimana la numero 1 del ranking, traguardo raggiunto appena 3 settimane fa a Parigi.

Con la Sharapova fuori e con Williams e Kvitova in affanno, a dare grande prova di forza ci pensa Victoria Azarenka, che distrugge letteralmente Ana Ivanovic, eliminata con un secco 6-1, 6-0. Vika, che non ha ancora perso un set e che finora ha lasciato sempre alle sue avversarie solo qualche game, con questa vittoria risale al momento in vetta al ranking WTA, avendo approfittato dell'uscita di scena di Maria Sharapova, che qui difendeva la finale dell'anno scorso.
Veramente impressionante la prova della bielorussa, che nonostante un'interruzione a fine primo set causata dalla pioggia, non ha mai smesso di martellare e di imporre un estenuante ritmo a tutto il match. In meno di un'ora di gioco, la Azarenka vola sul 6-1, 4-0, mettendo a segno 21 punti su 24 prime e commettendo solo 5 gratuiti, nonostante un'impostazione di gioco votata all'attacco e alla grande aggressività. Vika ha solo un comprensibile momento di appennamento nel quinto lungo game del secondo set, quando subisce un calo di concentrazione, con le percentuali di realizzazione e del servizio che si abbassano e 3 palle break concesse all'avversaria (ma prontamente annullate). Sono però solo dettagli, perché la bielorussa riesce comunque a chiudere 6-0 con 29 vincenti e solo 6 gratuiti realizzati.
Dopo la semifinale del 2007, ancora una volta la Ivanovic non riesce a superare gli ottavi del torneo, mentre la Azarenka è ora ad un passo dalla conferma della semifinale dello scorso anno, visto che ai quarti incontrerà Tamira Paszek. Vika deve però guardarsi, per quanto riguarda la vetta del ranking, da Agnieszka Radwanska, che continua a guadagnare punti ed è sempre più vicina alla vetta.

Sono 6 i set giocati nelle ultime due partite da Serena Williams, il massimo per approdare ai quarti di finale di Wimbledon, la seconda (dopo la Paszek) a completare un programma estremamente balbettante per via della pioggia. La minore delle sorelle Williams, dopo aver già sudato le proverbiali sette camicie al terzo turno con la Zheng, è costretta agli straordinari anche nella partita odierna, benchè un primo set altamente dominato lasciasse presagire il contrario.
Al cospetto della tennista sicuramente sorpresa di questi ultimi due mesi (Shvedova poliedrica dopo i quarti al Roland Garros), Serena Williams, dopo un primo set in cui è arrivata a due punti dal bagel con un gioco che ha rasentato la perfezione e un ritmo incessante da fondocampo, nel secondo set ha tirato i remi in barca, dando adito alle speranze della kazaka che, partita da una situazione di sostanziale pareggio sul 2-2 ha infilato quattro games di fila, compreso un ultimo turno di battuta tenuto con i denti per rimandare la partita al terzo, nonostante un fortissimo vento e dei presagi di pioggia che imperversavano. Il terzo set però, benchè concluso sul 7-5, dona un sostanziale dominio della giocatrice di Palm Beach, capace di arrivare per 5 volte a palla break e di confinare a soli 7 punti sul suo servizio le ambizioni della giovane classe 1987 Yaroslava. Il break era nell'aria e arriva puntuale all'apparire del tiebreak. Alla fine è 35 vs 24 il conto dei vincenti,a discapito di 13 vs 20 errori, testimoni di una bella partita, giocata a grande ritmo da fondocampo.
Serena raggiunge così per la decima volta i quarti a Wimbledon, la 23esima volta in assoluto in un torneo del Grande Slam, riscattando l'opaca prova offerta a Parigi. Per la Shvedova, la conferma di un'ottima annata che, dopo lo splendido Roland Garros, l'ha vista sbarcare nelle 100, con un ulteriore salto in avanti a seguito di questo ottimo torneo. Ora, ad aspettarla, Petra Kvitova.

La Germania si assicura così una tedesca in semifinale. Deve ringraziare la neo top10 Angelique Kerber, capace di sbarazzarsi con irrisoria faciità di un'irriconoscibile Kim Clijsters che riesce a racimolare due soli games, in una partita dominata dall'inizio dall'avversaria che, nel primo set infila 4 giochi consecutivi dal 2-1 per aggiudicarsi il parziale e nel secondo mette le cose in chiaro sul 5-0 prima di chiudere per 6-1.
Le statistiche avallano quello che è stato il punteggio con la mancina tedesca impeccabile al servizio con il 75% di punti vinti sulla seconda per la tedesca, a fronte del solo 26% dell'avversaria. Inoltre 5 palle break sfruttate su 9 e un gioco davvero convincente anche a rete che le vale il terzo quarto di finale sugli ultimi quattro Slam disputati (agli Australian Open è uscita sconfitta contro la Sharapova per 6-1 6-2 al terzo turno).

TWI (n.d.r.)

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Mar Lug 03, 2012 7:23 am

Wimbledon - UK


QFs Day


S. Williams (Usa) d. P. Kvitova (Cze) 63 – 75
A. Kerber (Ger) d. S. Lisicki (Ger) 63 – 67(79) – 75
V. Azarenka (Blr) d. T. Paszek (Aut) 63 – 76(74)
A. Radwanska (Pol) d. V. Azarenka (Blr) 75 – 46 - 75


Quando le partite contano ecco riemergere la potenza e la classe di Serena Williams. L’americana si è qualificata per le semifinali del torneo di Wimbledon buttando fuori la regina dello scorso anno Petra Kvitova in due set, 63 75. Come spesso le accade, Serena è stata capace di alzare il livello del gioco contro una giocatrice pericolosa come la mancina ceca. Il servizio della Williams poi è stato letale e rimane il reale termometro del suo gioco: 13 ace e 0 doppi falli. Quando funziona questo fondamentale difficile batterla. La Kvitova non ha sfigurato ma la sua forma era lontana da quella di 12 mesi fa. Troppo lenta e fallosa, spesso ferma sulle accelerazioni di Serena.

Bellissima ed emozionante sfida tra le due giocatrici tedesche, autrici di una vera e propria battaglia. Angelique è stata avanti di un set e un break, prima di essere riacciuffata dalla rivale e costretta poi al tiebreak, vinto in rimonta proprio da Sabine, impostasi per 9 a 7 dopo esser stata sotto 3-5. Nella terza e decisiva frazione la Kerber è prima passata avanti nel punteggio e poi si è trovata a un passo dal knock out, sul 3/5. Dal nono games grande reazione per lei e quattro games vinti consecutivamente.

TWI (n.d.r.)

E’ ancora semifinale per Victoria Azarenka. Dopo il penultimo round dello scorso anno, persa contro la poi campionessa Petra Kvitova, la bielorussia si conferma nell’edizione 2012 dei Championships, battendo non senza qualche preoccupazione Tamira Paszek (63 76(4) lo score finale). L’austriaca dal ranking più basso fra le otto rimaste in gara nel draw femminile di Londra, ha infatti dato prova di essere a proprio agio sui prati inglesi, trascinando il match per quasi due ore di gioco. Al terzo scontro in carriera (entramb’ vinti dalla Azarenka, il secondo dei quali proprio a Wimbledon ’11 e proprio nei quarti) le due hanno improntato la partita con una buona solidità nei turni di battuta, tanto che nel primo parziale solo uno scippo, adoperato dalla bielorussa, ha finito per decidere le sorti del set d’apertura. Pur con qualche difficoltà in più, anche nella seconda partita è regnato l’equilibrio (2 break per parte) e con queste premesse l’epilogo non poteva che essere il tie-break. Nel miniset l’austriaca è partita meglio (2-0) ma ha dovuto subire la rimonta rabbiosa della numero 2 del mondo, che ha rimontato lo svantaggio fino ad imporsi per 74.
T.it (n.d.r.)

Dopo tre interruzioni per pioggia, il cambio campo (dall'1 al Centre Court) e quasi tre ore di gioco, Agnieszka Radwanska, numero 3 del seeding, raggiunge la sua prima semifinale Slam a spese della russa Maria Kirilenko, sua vecchia compagna di doppio (una finale a Flushing Meadows). Match molto combattuto fino al 2-2 e con quattro break-point salvati dalla Kirilenko (due ace) nel primo gioco: la russa cede il servizio nel terzo turno di battuta e salva altre tre palle break sul 4-2 prima dell'interruzione per pioggia sui campi dell'All England Club. Due ore dopo la Radwanska riparte da dove aveva iniziato, ma la russa è più combattiva, salva nove palle break e recupera quello di svantaggio sul 5-4 alla quinta palla utile di un game spettacolare. La situazione si ripete con la stessa straordinaria combattività - ma con esito inverso - sul 6-5 quando la Radwanska riesce ad aggiudicarsi la prima partita dopo il quarto set-point. Nel secondo set la Radwanska prova a scappare due volte, ma è subito break-back per la Kirilenko che strappa la seconda partita in extremis con un game di risposta praticamente perfetto. Il terzo set, ancora molto equilibrato sia sul piano del gioco che delle statistiche, viene interrotto sul 4-4 e spostato per gli ultimi giochi al termine del programma sul Centre Court più di due ore dopo, quando la Kerber e la Azarenka si sono già guadagnate le semifinali. La Kirilenko, sbrigativa al servizio, sembra subire meno l'ultima pausa forzata e si spinge fino al 30/0 sul 5-5 con la polacca a battuta, ma la Radwanska reagisce con la prima vincente, mentre la russa cede le armi nel game successivo.Yahoo/Eurosposrt (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Mer Lug 04, 2012 7:15 am

Wimbledon - UK


doppio


F. Pennetta/F. Schiavone d. S-W Hsieh/ S. Lisicki (vittoria per ritiro)

S. Errani/R. Vinci d. A. Radwanska/ U. Radwanska (vittoria per ritiro)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Gio Lug 05, 2012 12:50 am

Wimbledon - UK


SFs Day
singolare






A. Radwanska (Pol) d. A. Kerber (Ger) 63 - 64




S. Williams (Usa) d. V. Azarenka (Blr) 63 – 76(86)


QFs Day
doppio



A Hlavackova/ L. Hradecka d. S. Errani/R. Vinci 63 - 64


F. Pennetta/F. Schiavone d. N. llagostena V / M.J. Martinez S 62 – 67(07) - 64





(photo by TB)



Per la prima volta in carriera Agnieszka Radwanska approda in una finale Slam. Battendo Angelique Kerber l'attuale numero 3 del mondo (virtualmente numero 2) diventa la prima polacca di sempre a raggiungere questo risultato, maschi compresi.
Una partita in discussione solo nel primo parziale per la più grande delle sorelle Radwanska, in difficoltà ad inizio match, quando la tedesca le toglieva il servizio issandosi sul 3-2. Da lì un monologo della polacca, che infilava 4 games di fila sfruttando al massimo le due opportunità concesse dall'avversaria e alzando in maniera vertiginosa le percentuali al servizio.
Nel secondo set l'inerzia non cambiava, e Radwanska otteneva subito il break decisivo, difeso senza particolari problemi fino al 6-3 6-4 finale, grazie soprattutto a un 78% di prime palle in campo e a soli 6 errori non forzati, a fronte dei 14 dell'avversaria, stordita dai campi di direzione e variazione della polacca, incredibilmente cinica.




Non tradisce alla sua 21sima semifinale Slam Serena Williams, che batte Victoria Azarenka e giunge per la 18sima volta in finale in uno Slam, la settima sui campi di Wimbledon, dove sabato cercherà il quinto piatto e la 14 vittoria nei tornei del Grand Slam.
Serena, che ha vinto le ultime 7 sfide con le prime due giocatrici del ranking senza perdere alcun set dal 2007, non ha lasciato il tempo di respirare alla più giovane avversaria, alla terza semifinale di un Major in carriera, annichilita dal bombardamento americano per quasi un'ora, prima del bel braccio di ferro nel finale di gara.
Match equilibrato solo nel punteggio fino al break dell'ottavo game, che portava Serena a servire per il set, messo in ghiaccio senza problemi per 6-3, con 20 vincenti ed 8 aces.
Nel secondo set il break arrivava ben prima, ed un 'C'mon' urlato da Serena in faccia a Vika dopo una spaventosa risposta vincente di diritto, metteva a tacere gli urletti e le speranze della bielorussa; la numero due del mondo trovava però il controbreak a sorpresa nel sesto game, e con grande tenacia riusciva a tener duro fino al tiebreak. Qui risultavano fatali due gratuiti dell'Azarenka, che cedeva per 6-3 7-6(6) dopo 1 ora e 36 minuti al secondo matchpoint.
I 24 aces del match odierno (record della Kanepi eguagliato), uniti al 70% di prime in campo (82% convertite) vanno a rimpinguare la spaventosa statistica di Serena in questa edizione di Wimbledon: 91% di servizi tenuti, più di Sampras ai tempi d'oro.
A questo punto è l'Azarenka a tifare Serena, che in caso di vittoria finale le garantirebbe il ritorno al numero uno del ranking. Un dato particolare può dar conforto alla bielorussa: ogni volta che le sorelle Williams si sono iscritte al torneo di doppio a Wimbledon, una delle due ha portato a casa il torneo di singolo.


Il torneo di doppio femminile ha perso ai quarti di finale le seconde favorite del seeding, Roberta Vinci e Sara Errani, battute dal duo della Repubblica Ceca, Hradecka e Hlavackova.
Troppo forti le rivali delle azzurre su erba, dove il servizio delle bombardiere ceche ha indubbiamente fatto la differenza. Nel primo set le italiane, sotto 0/2, han rimontato subito lo svantaggio, salvo poi subire tre games di fila dal 3/3.
La seconda frazione ha invece visto Sara e Roberta, dopo aver rimontato un break di differenza, crollare sotto per 2/5. A questo punto le atlete nostrane hanno provato a reagire, recuperando un break, prima di cedere nel decimo game.

Proveranno a vendicare le loro connazionali Flavia Pennetta e Francesca Schiavone, capaci di piegare le temibili spagnole Martinez Sanchez e llagostera Vives, nel match sospeso ieri sul 2 pari al terzo. Il duo illustre, formato esclusivamente in vista dei giochi di Londra 2012, al primo acuto importante, sfiderà proprio la coppia ceca in semifinale.

TWI (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Ven Lug 06, 2012 7:23 am

Wimbledon - UK


SFs Day
doppio


S. Williams/ V. Williams d. L. Huber/L. Raymond 26 – 61 – 62

A Hlavackova/ L. Hradecka d. F. Pennetta/F. Schiavone 26 – 63 – 64

Sembrano sempre sul punto di mollare Venus Williams e Serena Williams, ma anche in semifinale riescono ad uscire da una situazione complicata e ad avere la meglio al terzo set. Le due sorelle americane, vincitrici insieme di Wimbledon nel 2002 e nel 2009 (ma con altri partner hanno vinto altri due titoli ciascuna), hanno eliminato Liezel Huber e Lisa Raymond, che avevano approfittato nel primo set di una lunga fase molto fallosa delle loro avversarie. Le Williams però, a partire dal secondo parziale, sono salite in cattedra mettendo a segno 14 vincenti contro appena 1 di Huber e Raymond. Le favorite del tabellone hanno comunque da recriminare 4 palle break avute nel secondo e nel terzo set che non sono state in grado di convertire, al contrario delle Williams che hanno fatto della lucidità e della concretezza la loro arma vincente, ottenendo il break in 6 occasione su 8 avute.

Dopo aver eliminato Sara Errani e Roberta Vinci, le ceche Andrea Hlavackova e Lucie Hradecka sconfiggono anche Francesca Schiavone e Flavia Pennetta, questa volta al terzo set e in rimonta (punteggio 2-6, 6-3, 6-4). Le italiane hanno sprecato una ghiotta occasione, perché nel terzo set hanno avuto più volte la possibilità di conquistare un allungo decisivo, ma ogni volta hanno finito poi per sprecare tutto.
Primo set davvero da incorniciare per le italiane, che scappano avanti prima sul 3-0 e poi sul 5-1, concedendo appena 3 punti nei loro turni di servizio. Qui, le nostre ragazze avrebbero anche l'opportunità di chiudere il parziale con un terzo break, ma le ceche hanno un guizzo di reazione e annullano 2 break point. Pennetta e Schiavone ci pensano comunque al game successivo a prendersi il set, anche se Flavia è costretta a chiamare il medical time-out per un improvviso problema al piede. A tutti i suoi fan sembra purtroppo un film già visto e rivisto.
Ed infatti, a partire dal secondo set, le nostre devono subire il ritorno delle avversarie, causato anche da qualche errore di troppo e qualche disattenzione che concede troppi vincenti alle due ceche. Schiavone e (soprattutto) Pennetta resistono con le unghie e con i denti, ma alla fine devono cedere il servizio sul 4-3* e subito dopo anche il set. All'inizio del terzo e decisivo parziale, ecco l'orlo del baratro: le italiane vanno sotto al primo game 0-40. Tuttavia, Schiavone e Pennetta trovano la reazione, annullando 4 break point e portandosi loro in vantaggio al game successivo. Qui lasciano andare la bellezza di 7 palle break, che saranno anche le ultime che avranno a disposizione. Poco dopo sono infatti le ceche a trovare invece la giusta incisività e a strappare il servizio per poi chiudere i conti.
TWI (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Sab Lug 07, 2012 4:35 am

Wimbledon - UK


Vincitrice 2012



(photo by Getty Images)


Serena Williams (Usa)

d. Agnieszka Radwanska (Pol) 61 - 57 - 62


(photo by Getty Images)

Per la 5° volta in carriera Serena Williams trionfa a Wimbledon, superando un'ottima Agnieszka Radwanska, e mette in bacheca il suo 14° titolo dello slam

Pronostico rispettato nella 126° finale femminile di Wimbledon, ma chi si aspettava un facile successo di Serena Williams, rimane invece sorpreso dall’ottimo match disputato da Agnieszka Radwanska.
Serena confeziona il suo trionfo con un primo set pressoché perfetto, ricco di vincenti da una supremazia al servizio a tratti imbarazzante.
Agnieszka ci mette un set prima di smaltire l’emozione della sua prima finale, recuperando con pieno merito il break di svantaggio nel secondo parziale, e senza alcun timore reverenziale strappa il 7-5.
Passata la paura Serena nel 3° riprendere però in mano le redini della partita, e come nel primo set cambia passo allungando definitivamete le mani sul suo 5° Wimbledon, piazzando il 6-2 finale.
Serena conquista il 14° titolo dello slam e sale al 4° posto in classifica, mentre per la Radwanska resta la grande gioia per le due settimane più importanti della sua carriera e il 2° posto mondiale raggiunto.
T.it (n.d.r.)





(image by Eurosport)


avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Sab Lug 07, 2012 6:29 pm

Wimbledon - UK


Vincitrici 2012
doppio




(photo by Getty Images)


Serena & Venus Williams

d. A Hlavackova/ L. Hradecka 75 - 64

Quinto successo per le Williams nel doppio femminile (così come sono cinque a testa le vittorie di Serena e Venus in singolare) a Wimbledon.
Le "sorellone" americane hanno rispettato i favori del pronostico ed hanno battuto in due set (7-5 6-4) la coppia ceca formata da Andrea Hlavackova e Lucie Hradecka (che avevano eliminato nei quarti le nostre Errani /Vinci ed in semifinale Schiavone e Pennetta).
Le americane sono state praticamente perfette nel primo set dove hanno ceduto solo tre punti sul proprio servizio.
Decisivo il break all'undicesimo gioco sulla Hlavackova, sicuramente la meno potente delle quattro tenniste in campo.
Nel secondo parziale erano le ceche ad avere una palla break nel secondo gioco prontamente annullata dalle loro avversarie che invece centravano il break al quinto gioco.
Sul 4-3 servizio Serena si arrivava ai vantaggi ma le americane alla fine tenevano la battuta e toccava a Venus con un ace chiudere il match nel decimo game.
Wimbledon da ricordare per Serena trionfatrice sia nel singolare che nel doppio (è la terza volta che le riesce la doppietta), tredicesimo slam per le due sorelle in doppio.
Non hanno comunque sfigurato Hradecka e Hlavackova, coppia che si è dimostrata comunque affiatata e che sarà da tener d'occhio tra venti giorni in occasione del torneo olimpico

UBITennis (n.d.r.)
avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  errex il Dom Lug 08, 2012 1:08 am



Wimbledon - UK

le pagelle

S.Williams 10 Quinto sigillo a Wimbledon, quattordicesimo titolo dello Slam, prima trentenne vincente in un Major dal 1990, quarta tennista di tutti i tempi per numero di Majors nell’Era Open: numeri da campionessa. Forse è la vittoria più bella, perché seguita ad un periodo condizionato da serissimi problemi di salute e svariati acciacchi. Ha ancora una volta dimostrato di essere l’indiscussa numero uno, in barba ad un computer che lunedì la piazzerà sul quarto gradino. In queste due settimane ha saputo ora asfaltare ora soffrire e così è stato anche in finale, dove ha saputo gestire la reazione di Agnieszka uscendo benissimo alla distanza. Torna a vincere uno Slam dopo due anni esatti. Bentornata.

Radwanska 9 Meriterebbe anche lei un dieci, ma la distinzione tra vincitrice e finalista è doverosa. Agnieszka è oggi definitivamente sbocciata, consacrandosi agli occhi di tutto il mondo proprio sul palcoscenico più prestigioso. Ha giocato un torneo eccezionale, coronato da una finale strepitosa. Quasi nessuno, alla vigilia, aveva scommesso un penny su una finale di questa caratura e così ben giocata dalla tennista polacca. Dopo il primo set in molti avranno pensato ad una mattanza, tanto era il divario tra le due giocatrici; e invece, la ventitreenne di Cracovia ha saputo rimettere in piedi un match portando il pubblico dalla sua parte e regalando una partita inaspettatamente avvincente. Non ha colpi definitivi, è leggerina e sembra non far male, ma è dotata di braccio, sagacia e mobilità in grado di sorreggerla ad alti livelli. Esempio che il tennis non è solo forza bruta, da lunedì sarà numero due. Encomiabile.

Kerber 8 Quando Flavia Pennetta perse da lei nei quarti degli Us Open 2011 in molti ci disperammo, delusi per l’occasione mancata. Alzi la mano chi, allora, aveva preconizzato un’ascesa così dirompente della tedesca, in pochi mesi diventata una realtà del circuito femminile. Solida, concreta, versatile, si difende come (quasi) nessuna. Semifinalista a sorpresa, ma con pieno merito.

Azarenka 8 Ha giocato alla grande per quasi tutto il torneo, tanto che in molti (soprattutto dopo l’eliminazione della Sharapova) la davano per favorita. In semifinale con Serena non ha sfigurato, dimostrando quel carattere e quella determinazione che la rendono una vera fighter oltre che un’ottima atleta. In ripresa dopo una primavera tentennante, ha riconquistato il primato in classifica. Costante.

Lisicki 7.5 Il quarto di finale con la Kerber rientra a pieno titolo nel novero degli incontri più avvincenti del torneo. E’ forse la più talentuosa della new-generation teutonica, ma è anche la più discontinua. Presentatasi a Wimbledon con una striscia di quattro sconfitte consecutive al primo turno, ha dimostrato ancora una volta di essere tra le più forti su erba. Mina vagante pronta ad esplodere.

Giorgi 7 Finalmente! Vaticinata da anni come la più fulgida speranza dell’Italtennis, Camila è esplosa a Wimbledon catalizzando l’attenzione dei media e non solo. Dotata di colpi fenomenali, deve assestarsi tatticamente per non incepparsi nelle giornate poco felici. Entrata nelle cento, è destinata a salire molto e presto perché ha tutte le carte in regola per diventare una grandissima giocatrice.

Shvedova 7 L’exploit al Roland Garros non è stato un caso. La kazaka ha giocato un altro gran torneo e passerà alla storia per aver rifilato il “golden set” alla Errani. Ha rischiato il colpaccio con Serena, piegandosi solo 7-5 al terzo set. Giocatrice ritrovata che può dire la sua contro molte avversarie.

Vinci 6 Per la prima volta in carriera raggiunge la seconda settimana in un torneo dello Slam. A ventinove anni sembra aver raggiunto la definitiva maturazione, fattore che le consente di gravitare stabilmente attorno alla top 20. Tra le azzurre agli ottavi era quella che aveva più chances, ma con la Paszek non è mai entrata in partita.

Schiavone 6 A Londra non ha mai fatto faville, eccezion fatta per i quarti raggiunti nel 2009. Si è spinta fino agli ottavi di finale, traguardo soddisfacente specie perché giunto dopo una stagione quasi fallimentare. Lascia l’Inghilterra con una buona dose di rammarico, essendosi arresa ad una Kvitova non brillantissima e a lungo rimasta imbrigliata nella sua tela. Il 6-0 incassato nel terzo set è però imperdonabile.

Kvitova 5.5 Si dirà, ha perso nei quarti da Serena, non è una tragedia. Può darsi, ma a prescindere dal piazzamento duole constatare che Petra non è più quella fantastica tennista ammirata nel 2011. Va avanti finché deve, ma alla prima vera avversaria capitola. era già successo a Melbourne e a Parigi, dove si arrese alla Sharapova. Finché non lima quei chili di troppo, difficilmente tornerà competitiva.

Errani 5.5 Dopo la sbornia parigina era guardata a vista come non mai. Il terzo turno su una superficie a lei poco congeniale sarebbe un discreto risultato, ma Sara è ora una top ten ed è uscita di scena come peggio non poteva, portando a casa un record di cui avrebbe voluto decisamente fare a meno. Una piccola macchia, relativa e forse insignificante, ma pur sempre una macchia.

Sharapova 5 D’accordo, ha perso con la Lisicki che sull’erba è tanta roba. Il problema è che però è uscita malamente, travolta da Sabine dalla prima all’ultima palla. Aveva già rischiato con la Pironkova, a riprova di una condizione poco brillante. Il suo interregno è durato appena quattro settimane, ma quella è forse la cosa di cui le importa meno. Delusione.

Martic 5 Alla vigilia del torneo era indicata tra le outsiders, titolo acquisito grazie alle brillanti prestazioni parigine. Il sorteggio non l’ha aiutata, avendola opposta subito alla Lisicki: sconfitta che ci può stare, ma che per ora ridimensiona le sue ambizioni. Da rivedere.

Barthel 4.5 Che le è successo? Dopo lo straripante inizio d’anno è completamente svanita, collezionando sconfitte ovunque e contro chiunque. Non vince un match da oltre due mesi, ci è andata vicina con la Zvonareva ma si è sciolta sul più bello. In caduta libera.

Pennetta 4 Una delusione dopo l’altra. Esclusa la parentesi romana, negli ultimi mesi Flavia non ne ha imbroccata mezza. Ha perso all’esordio con la rampante Giorgi, ma la vera Pennetta avrebbe fatto ben altro percorso. Urge rigenerazione.

Stosur 4 Benché proveniente da una nazione prospera di “erbivori”, tra Samantha e Wimbledon la scintilla non è mai scoccata. La sua ultima giustiziera si chiama Arantxa Rus, olandesina emergente dal discreto potenziale. E con la Stosur sull’erba tanto basta per portare a casa il match.

V.Williams 3 Spiace assegnarle un voto così basso, che di certo stride accanto ad una delle tenniste che così tanto ha dato a questo sport negli ultimi quindici anni. Ecco, appunto, ha già dato. Appare sempre più un’ex giocatrice che ha imboccato, forse definitivamente, il viale del tramonto.

Wozniacki 3 Alla vigilia aveva addirittura dichiarato di pensare al titolo. Neanche il tempo di chiuder bocca che era già sul volo di ritorno, sorpresa da una Paszek a lei inferiore solo per il computer. Incapace di progredire, è impelagata nel suo difensivismo ad oltranza. Scoraggiante.

T.It (n.d.r.)

avatar
errex
Communications

Messaggi : 3199
Data d'iscrizione : 11.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: WTA Wimbledon - 3° Grand Slam (33)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum